Era quasi arrivata nel punto di non ritorno come Apple negli anni ’90, ma Palm con la Mela non condivide solo gli avvenimenti storici, perchè tra i suoi top manager c’è anche Jon Rubinstein che a Cupertino si occupò dell’hardware dell’iPod, ma in Palm si è prodigato nella creazione del Pre, il nuovo modello che sfida direttamente l’iPhone.

Munito di schermo touch screen, utilizza il sistema operativo webOS che riesce ad utilizzare più programmi contemporaneamente e sfrutta anche una tastiera QWERTY per l’inserimento delle informazioni. Un po’ ricurvo per garantire il confort, ha una fotocamera da 3 Megapixel con flash, schermo da 3,1″ con una risoluzione di 320 x 480 pixel, bluetooth, WiFi e GPS. Non manca anche la chicca tecnologica, come la batteria ricaricabile senza fili tramite un apposito dock.

Per la prima metà dell’anno sarà disponibile solo negli USA perchè non supporta le reti GSM, ma è stata già promessa la versione europea. Riuscirà a mettere in difficoltà il telefono della Mela?

[via Engadget]

Join the Conversation

4 Comments

  1. mamma che brutto… dell’ipod dev’essersi occupato dell’hardware, non certo dell’estetica, non è proprio la stessa mano..
    bha..

  2. Siaimer
    Devi vederlo da chiuso e frontalmente. Imho è la prima vera proposta anti iPhone e che non copia iPhone ma che va per la sua strada.
    Bluetooth mms copia incolla ma soprattutto webOS basato su css html xml. Certo ha da farsi ed ha uno schermo più piccolo, anche se questo potrebbe non essere un male. Di certo è molto più credibile questo come alternativa ad iPhone (pur non essendo minimamente comparabile a livello di appstore e quindi app e giochi) che le varie pacchianate di htc o del nokia N97.

  3. Personalmente, questo telefono mi sembra quantomeno decente (anche se, basandomi sui video visti su Gizmodo il SW sembra molto scattoso, specialmente nella sezione della musica), ma in ogni caso non credo che riuscirà a scalfire il successo di iPhone. Perché? Perché la storia si sta ripetendo e sembra proprio che la strategia “crea un ottimo dispositivo, aspetta di avere una discreta base di utenza, crea un ecosistema” che ha funzionato con iPod (dove l’ecosistema è dato dall’ iTunes Store) stia funzionando perfettamente anche con iPhone (dove l’ecosistea è invece l’App Store) e quando i concorrenti l’avranno capito, probabilmente Apple avrà già una quota di mercato impossibile da scalfire (perché, insomma, ormai ogni telefono viene confrontato e paragonato all’iPhone, e ciò significa che è già lo standard).

  4. Premetto che ho un iPhone e in passato ho sempre utlizzato Palm, come utente busines. L’iphone al di la dell’estetica, e alcune funzioni modalita’ di utilizzo non riesce a fare quello che e’ in grado di fare un palm TX (con uma progettazione che risale ormai al 2002). Inoltre Palm (non considertate palm con windows mobile) e’ molto più aperto, veloce e stabile…. Sto parlando da utente Mac, e credo vada guardato realisticamente.

Leave a comment

Cosa ne pensi?