Storie di Macuser: il piccolo Lorenzo e il suo MacBook Pro

lorenzo-macbook

Qualche tempo fa inaugurai la rubrica “Storie di Macuser” per raccogliere le storie di voi macuser in riguardo episodi speciali che hanno coinvolto i prodotti della Mela. La storia di oggi ce l’ha racconta Andrea e riguarda il suo piccolo Lorenzo:

Il 16 dicembre scorso, mi alzo e non trovo il mio MacBook Pro. Era li…sul divano…ed ora non c’è più. Vado nell’altra stanza e cosa vedo? Lorenzo, mio figlio di 2 anni, lo ha preso, con le sue piccole dita ha premuto il pulsante per aprire il display, un click sul pulsante di accensione, ed eccolo li estasiato di fronte a quel mondo che da sempre attrae anche me.

Da quel giorno sono passati 8 mesi e oggi non puo’ fare a meno del SUO iPod Touch (8 GB) che gli ho regalato dopo l’acquisto del mio iPhone. E’ strano…i nostri figli un giorno diranno: “A noi per giocare bastava poco: un MacBook Pro e un iPod!

Se hai anche tu una storia da raccontare, scrivici e la pubblicheremo appena possibile. Intanto per vedere il video di Lorenzo e il suo iPod Touch, basta andare dopo il continua.

23 Comments

  1. quotone a stefano
    fateli essere bambini…

    secondo me è un male fare questi regali, insegnategli qualcosa di più importante e fateli giocare con qualcosa più adatto, magari all’aria aperta invece che abituarli subito a starsene immobili a un tavolino davanti a un monitor…

  2. Beh un conto è se ci passa delle ore al giorno dietro all’ipod o a un monitor e un conto è se ogni tanto ci gioca un po’ con il papà vicino.. magari guardando le foto appunto. Secondo me se fatto a dosi adeguate non è niente di così tremendo..

  3. sono d’accordo con albi. un pochetto. ma molto meglio correre dietro a una palla nel prato certo 🙂 però un pò non guasta

  4. Mio figlio di un anno e due mesi ha già compreso il funzionamento dello slide delle foto (non preme, striscia sullo schermo).
    Però, sinceramente, anche se avessi soldi da buttare, un simile regalo non lo farei.

  5. Scusate, ma questo video mi mette una tristezza allucinante! fare un video al figlio che aggeggia con l’ipod touch e metterlo su youtube è veramente triste…… di Mozart bambino in giro per le corti d’Europa dicevano che fosse una scimmietta ammaestrata, in questo caso non so proprio che dire… altro che think different! Andrea fai giocare tuo figlio all’aria aperta, non lo rintronare sin d’ora con aggeggi elettronici…

  6. Beh…è proprio strano che da una foto e un video già avete deciso che mio figlio fa solo quello!! Mio figlio è un bambino felice. Felice di giocare all’aria aperta, felice di giocare con le cotruzioni, felice di giocare con le macchinine, felice di giocare con l’ipod e felice di giocare col mio mac. Amare il proprio bambini significa proprio questo …fargli assaporare le cose belle della vita e …credetemi il mac è una delle cose belle della vita. Cercate se possibile di non giudicare senza conoscere.

  7. La prossima storia sarà “il picco Marcello e il suo Cayenne Turbo S con lettore Bluray integrato”… :-p

  8. bella storia di un bel rapporto tra un pargolo ed un mac. e per molti versi simile alla nostra. finanche nel nome che hanno i nostri figli. Il mio Lorenzo a 20 mesi aveva imparato ad usare mause e tastiera con una piccola applicazione flash che usava personaggi animati, figure geometriche e suoni. pochi clic e comparivano e scomparivano le figure e associava ai suoni le azioni da fare con il mouse. a 24 mesi, a due anni, andava alla grande con il suo amico Sammy, quella bella applicazione di giochi interattivi che si trovava nel primo iMac, OS8. E sapeva già accendere e spegnere il computer da solo!!! E come il suo omonimo Lorenzo della foto vi assicuro non faceva solo quello. i nostri figli sono bambini normali che hanno fatto un incontro in più, hanno un “giocattolo” diverso dal solito il cui utilizzo era, nel mio caso, limitato a pochi minuti.
    Insomma un incontro meraviglioso e fantasmagorico quello di un bambino con un Mac, impossibile da replicare con altri sistemi operativi e con un Pc in generale. Un incontro che ancora adesso dopo 10 anni stupice, anche se ora siamo alla crazione di filmati, podcast, presentazioni didattiche, giochi, ricerche studio, creazioni di siti web e piccoli programmi di utility!!!!

    fausto, trieste

  9. Questo è mio nipote, ha solo 2 anni. Nessuno gli ha regalato un IPhone non passa ore a giocarci e solo che oggi i bambini sono più intelligenti e basta!!!

  10. ciao Germana, non credo sia una questione di intelligenza…è solo una questione di stimoli. I bambini sono “spugne” hanno una capacità di apprendimento impressionante. Inoltre usare un prodotto apple è sempre semplice…potrebbe utilizzarlo anche un bambino…appunto.

  11. ke schifo…è una vergogna…nnon so davvero ke dire…regalare un ipod touch ad un bambino ke magari ha da poco imparato a parlare…qst nn è amore per un marchio, qst è feticismo, i bambini devono poter creare non utilizzare qlks già bella fatta e strisciare dita su schermi touch srceen…davvero una vergogna

  12. caro Gino, è una vergogna giudicare un fatto e una persona senza conoscerla in maniera approfondita o basandosi su 10 righe di testo. Qualunque mezzo, anche il piu’ tecnologico, è un mezzo, nient’altro di piu’. Siamo nel 2010 non nel medioevo… Ora capisco perche la maggiorparte dei giovani a 30 anni è a casa con la mammina che ancora gli pulisce il sederino.

  13. Ricordo a tutti… che alla mia età (20 anni fa) si giocava già col game boy… l’ipod touch, alla fine è la stessa cosa, solo decisamente più interattivo, più funzionale ed i giochi costano nettamente meno… immaginate l’ipod touch come una di quelle console portatili che TUTTI i bambini hanno e vedrete che non vi farà più tanto effetto questa cosa…un ipod touch lo possono utilizzare sia genitori che figli, i giochi costano meno di 1 euro e l’ipod costa meno di 200 euro… una normale console portatile (penso alla psp o al nintendo ds) vengono vendute allo stesso prezzo, non fanno neanke un terzo di quello che fa l’ipod touch e i loro giochi non costano meno di 20-30 euro… chi è il fesso?

Cosa ne pensi?