Anche Fake Steve si lascia andare ai rumors per il Mac Tablet

Daniel LyonsFake Steve, il nome d’arte del giornalista Dan Lyons che per anni ha curato un finto blog di Steve Jobs, ha dichiarato le sue indiscrezioni riguardanti il Mac Tablet. Secondo lui sarà lanciato a gennaio 2010 e le vendite inizieranno solo nel prossimo giugno. Perchè? Perchè Apple coinvolgerà gli operatori come per l’iPhone.

Secondo il giornalista, infatti, il Mac Tablet avrà la connessione 3G integrata per permettere la navigazione ad internet ovunque. Permetterà di riprodurre video, musica e visualizzare testi. Si utilizzerà con le dita e sarà utilissimo per la navigazione in rete.

Speriamo che il prezzo lo renda accessibile a molti.

[via newsweek]

9 Comments

  1. Piuttosto di avere un iTablet distribuito dalla TIM o dalla Vodafone, preferisco non averlo affatto.

  2. Pingback: Nuovo indiscrezione dell'atteso iTablet

  3. Si utilizzerà con le dita? Nooooooo!! Ma davvero?
    Che inovazione! Mi ero stancato di usare i piedi al pc e al cellulare. 😉

  4. Più ci sono rumors e più confermano che è qualcosa di troppo simile all’iphone. Quindi o i rumors stanno confondendo o questo sarà realmente un iPhone gigante quindi un flop perchè se il normale costa 600 euro il gigante quanto costerà? e quali vantaggi offrirà rispetto all’originale? non converrebbe comprarsi un portatile o semplicemente un iPhone/iPod touch?

  5. A meno che Apple davvero non rivoluzioni il concetto di tablet, sarà un flop assicurato. Ora come ora i tablet hanno un’utilità in ambiti professionali che non sono neppure lontanamente il target di Apple.

  6. Apple ha indubbiamente rivoluzionato i palmari, con iPhone, in un mondo che i palmari se li filava poco, e che incellulari li subiva, più che utilizzarli.

    E non paga di ciò, ha rivoluzionato anche la distribuzione del software, in un mondo ormai abituato a piratare tutto. Diciamo che le premesse sono buone per rivoluzionare anche i tablet.

    Se ciò non accadrà, beh, aspetteremo la prossima rivoluzione!

Cosa ne pensi?