Apple brevetta la pubblicità bloccata per i video

La pubblicità è l’anima del commercio, ma se la vediamo in un file video tendiamo a saltarla con un colpo di mouse. Apple, però, ha brevettato un sistema che potrebbe spingerci a vederla. Tramite l’uso di segmenti bloccati, infatti, l’utente potrebbe guardare il contenuto originario del filmato solo dopo essere passato dalla pubblicità.

Il sistema, che a prima vista potrebbe apparire solo una costrizione, può risultare un punto a favore degli utenti se utilizzandolo permettesse di accedere gratuitamente a contenuti ora a pagamento, come serie Tv o show televisivi. Il brevetto prevede anche l’uso di pacchetti di spot, vale a dire pubblicità a tempo che dopo un certo numero di giorni spariscono automaticamente.

[via patentlyapple]

7 Comments

  1. Favorevolissimo alla cosa, sempre che arrivi in Italia e di questo, ahimè, ne dubito.
    P.S.: ma quello nella foto non è Dominic Monaghan, meglio conosciuto come Merry de Il Signore degli Anelli o Charlie in Lost? Ora è pure brevetto Apple! 😀

  2. Niente è gratuito. Se i contenuti non li paga chi si gode lo spettacolo allora li pagano gli inserzionisti. Cioè in definitiva chi acquista il prodotto pubblicizzato anzichè chi vede il film. Odio questo sistema!

  3. in linea di principio non sono contrario ma se dovessero rimettere tecnologie restrittive tipo DRM per il controllo delle inserzioni pubblicitarie (ed evitare che si possano aprire con programmi di terze parti) allora mi stizzerei un tantino …

Cosa ne pensi?