HP Slate, l’acerrimo concorrente dell’iPad

Fu mostrato da Steve Ballmer qualche mese fa, si tratta dell’HP Slate, l’acerrimo concorrente dell’iPad basato sul sistema operativo Windows 7. Sulla carta è molto più forte e flessibile, sorprendentemente è anche economico. Si presenta come il dispositivo alternativo, alternativo all’iPad si intende.

Munito di un processore da 1,6 GHz, 1 GB di RAM, lettore di SD, porta USB, fotocamera integrata e 32 GB di memoria, fornisce tutto ciò che l’iPad non ha: possibilità di upgrade dello storage, plug-in di flash, programmi installabili a piacimento e così via. E’ anche più piccolo e offre uno schermo da 8,9″ multi-touch.

Considerando il prezzo da 549 $, contro i 499 $ di partenza dell’iPad, c’è da giurare che Apple dovrà stare molto attenta. Segue lo spot pubblicitario dopo il continua.


11 Comments

  1. Per quanto esteriormente molto simili, per me sono due dispositivi totalmente differenti. Lo Slate è un netbook senza tastiera. Stessi componenti, stesso OS (tranne una interfaccia Ui creata da HP che ci gira sopra). Quindi sarà un mezzo computer, lento e con funzionalità scomode. iPad si pone in modo totalmente diverso. Per questo la gente continua a vederci carenze. Manca il filesystem, manca il multitasking (staremo a vedere domani comunque), ma ad ogni modo non sono semplici mancanze, piuttosto un modo differente di concepire uno strumento innovativo. Uno di quelli che o si ama o si odia, perché porta con se un nuovo modo di pensare al PC. Pensiamo a quando sono nate le prime GUI. Tutti i tecnici che amavano la shell sono impazziti per dire quanto fossero limitanti. Eppure con il tempo si è affermato il paradigma delle finestre e della scrivania. Ora siamo di fronte ad una ennesima semplificazione. Troverà molti rivali sicuramente e deve ancora evolversi per essere matura, ma nulla vieta che tracci la strada per un nuovo concetto di PC.

  2. Diciamo che anche l’HP Slate ha i suoi punti deboli…il processore Intel Atom Z530 a 1.6GHz e 1GB di Ram VS Windows 7 sarà fastidiosamente lento, secondo me …per non parlare dell’autonomia dichiarata di 5 ore!!! che per un dispositivo del genere sembrano pochine…sempre secondo me…

  3. Bhuahahahaha!!!! Ecco che cominciano ad uscire i primi iPad killer!!! Ma non c’è bisogno di aggiungere altro, perché avete già capito, no?!? 😉
    La cosa che più mi fa ridere, è il fatto che certe aziende, nonostante siano imponenti e molto importanti, ancora non comprendono che copiando prodotti non si ottiene nulla, anzi, peggiora la loro immagine, soprattutto se sono prodotti Apple…
    Ma io mi chiedo… “Come si può credere che un prodotto pensato e creato in pochi mesi possa superare in vendite un prodotto che prima di fare il suo debutto ha necessitato anni ed anni per la sua realizzazione???” BISOGNA ESSERE CRETINI

    Dico questo, e più concludo: Apple arriverà sul primo posto del podio tra non molto, e sarà l’indiscussa nel campo tecnologico.
    M’immagino già un iSkyscreaper come quartier generale XD

  4. @simplemal: Analisi corretta; giusto un’appunto l’iPad ha un filesys altrimenti non esisterebbe organizzazione logica di file e cartelle. Credo che tu ti riferisca ad un “browser” del filesys come Finder.

  5. @simpleman: Probabilmente è come dici tu ma noi oggi siamo abituati a fare 1000 cose contemporaneamente ed il target dell’ipad è composto proprio da questo tipo di persone. Mi sistemo gli appuntamenti mentre ascolto musica e vedo facebook…. Cose di questo tipo!
    Ed in quest’ottica la mancanza di multitask (e volendo anche di flash) non la vedo una semplice scelta… Ma proprio una grave carenza!
    Tuttavia se i prezzi in € saranno uguali a quelli in $ anche io ero intenzionato a comprarlo.

  6. @fabio, hai ragione il FS c’è sempre, mi riferivo al fatto che questo, un po’ come nell’iPhone, risulti trasparente all’utente, che vede solo app e contenuti delle app. Cosa che in parte è stata superata già dal FW 3.2 di iPad, ma sempre con una logica differente rispetto a come siamo abituati (volumi o risorse del computer), ovvero App>Contenuto.
    @Luigi DM, guarda il multitasking per certi versi su iPhone/iPad già esiste. Quello che manca e mancherà sempre a mio avviso, è la possibilità di lavorare contemporaneamente con due finestre. Questo perché è proprio il concetto di finestra che sparisce con iPad. Quindi anche se un’app può lavorare in background ed avere notifiche push, difficilmente su iPad vedrai due finestre affiancate.
    Comunque rimango dell’idea che non siano proprio concorrenti in niente questi due dispositivi. L’utente che è interessato allo Slate non apprezza l’innovazione di iPad e continuerà a vederlo limitato (come fecero tutti quelli che comprarono Omnia invece di iPhone), mentre chi capisce il bagaglio di novità apportato da iPad, difficilmente può essere interessato ad un netbook senza tastiera come lo Slate.
    Se me lo concedete la mia riflessione sta qui:

  7. “L’utente che è interessato allo Slate non apprezza l’innovazione di iPad e continuerà a vederlo limitato (come fecero tutti quelli che comprarono Omnia invece di iPhone), mentre chi capisce il bagaglio di novità apportato da iPad, difficilmente può essere interessato ad un netbook senza tastiera come lo Slate.”

    Non è detto. Uno può capire ed apprezzare l’innovazione dell’iPad e allo stesso tempo vederne le limitazioni. Se non ci fossero limitazioni allora Apple non avrebbe niente da aggiungere alle versioni successive dell’iPad… non solo le aggiunte ci saranno, ma Apple, che il suo business lo sa fare bene, le ha già sicuramente già pianificate.

    Intanto per l’estate ci sarà l’iPhone OS 4 che qualcosa cambierà pure, cioè supererà alcune limitazioni, magari portando proprio il multitasking per le app non Apple.

  8. @Luigi DM: Hai fatto l’esempio meno calzante in assoluto 😀 con l’iPad potrai benissimo ascoltare la musica mentre sei connesso a Facebook e scrivi un documento: l’applicazione “iPod” può riprodurre musica mentre fai altro (prova con un qualunque iPhone/iPod Touch ad ascoltare musica mentre navighi in internet, controlli la posta o apri FB), così come l’applicazione Facebook permette di rimanere sempre connessi grazie alle notifiche in push.
    Viceversa non credo che un HP Slate con quella configurazione, anche se sulla carta gestisca il multitasking propriamente detto, sia effettivamente in grado di far andare diversi programmi in simultanea.
    Inoltre concordo pienamente con simplemal, avere più finestre aperte ed affiancate su uno schermo così piccolo è già scomodo in un computer dotato di mouse, figurarsi su uno schermo touch

  9. @Roberto. No, Luigi DM non ha fatto l’esempio meno calzante in “assoluto” perchè quello che dici tu è vero solo “relativamente” all’uso dell’app iPod. Per esempio a me piace molto ascoltare Folk Alley, una internet radio fantastica per chi ama il folk americano, ma non posso certo ascotarla in background mentre faccio altro. Quindi per me un multitasking aperto alle app non Apple sarà benvenuto.

    Poi, bisognerà aspettare di provarlo questo HP Slate prima di “credere” che non sarà “effettivamente in grado di far andare diversi programmi in simultanea.” I pregiudizi non vanno bene da nessuna parte, secondo me.

  10. Mi permetto di dire la mia:
    l’iPad si pone in una fascia di mercato precedentemente inesistente.
    Mi spiego: è tra un notebook ed un palmare… copre l’esigenza (forse nuova) di chi vorrebbe usare un computer per fare cose “relativamente” semplici ma che è difficile o impossibile fare su un palmare o su un iPhone.
    Da quando nell’aria c’è odore di iPad mi sono chiesto se mi sarebbe servito. La risposta è NI.
    Io ho un MacBook, ho un fisso, ho un iPhone… perché un iPad ?

    Perché la sera, sul letto, potrei leggere un libro… oppure potrei navigare senza l’ingombro del MacBook. Ma anche perché potrei averlo a portata di dito più in fretta.

    Insomma, l’iPad genera (almeno in me) una nuova esigenza di portabilità ed immediatezza.

    Mi dispiace, come sempre, che esistano certi limiti: flash, multitasking, impossibilità di installare apps magari fatte da me (senza avere un account developer che comunque ha un suo costo), l’enorme controllo che Apple eserciterebbe sul mio (ancora ipotetico) iPad.

    Alla fine, probabilmente, ne comprerò uno…

    Saluti

  11. e´sempre la stessa cosa. Per me e´molto chiaro: perche´l ´Pad non avra velocemente un concorrente che lo sia davvero? 15 anni fa passando a mac, mi sono reso conto di pagare un prezzo molto alto per degli componenti interni( Powerbook allora) MOLTO meno potenti ad un pc portatile equivalente dal punto di vista del prezzo. MA il OS ed il SUPPORT TECNICO funziona senza grandi lacune!!! ED e´questo che CONTA, lavori, ti diverti senza doverti arrabbiare per qualcosa. E HP non scherza da tanti punti di vista, basta vedere cosa hanno combinato col printer&scanner support per il os 10.6, date un occhiata sui forum….it´s a shame, cé gente che al giorno d´oggi non ha ancora una unita di stampante/scanner funzionante a casa perche´mancano ancora i driver …e questo per una stampante vecchia 1 anno e 2 mesi…COSA posso immaginarmi, pretendere da un marchio/multinazionale di questo genere? NIENTE. Resoconto: sara´sicuramente piu forte tecnicamente….e poi…

Cosa ne pensi?