Steve Jobs risponde per le rime a un utente che lo ha criticato

Sapete, il lavoro di blogger è al 50% informarsi, al 30% tentare di comunicare un’informazione da un punto di vista e per il restante 20% è sopportare le critiche. Quelle che arrivano a me molte volte fanno sorridere. Lo stesso sorriso che viene vedendo una persona parlare con un cane. Per questo motivo mi ha fatto sorridere una risposta data da Steve Jobs via email.

Un utente ha continuato a criticarlo per la scelta di non supportare il flash nell’iPad, di bandire il porno nell’App Store, di obbligare gli sviluppatori ad adeguarsi a Cocoa e altre cose. Tante critiche a cui Steve Jobs ha risposto spiegando il suo punto di vista, ma portato all’esasperazione ha scritto:

In ogni modo, tu cosa hai fatto di così grandioso? Hai creato qualcosa da permetterti di criticare il lavoro degli altri e sminuire la loro motivazione?“. Bhè ad essere sincero è una cosa che penso anche io alcune volte.

[via gawker]

34 Comments

  1. Ma ha ragione! Se la gente non vuole usare i suoi prodotti, che si rivolga alla concorrenza! Che palle tutta sta gente che non fa altro che criticare, avete rotto!

  2. Caro Andy, esiste il diritto di critica.
    Sono un utente Mac, sono molto felice del mio Macbook e del mio iPhone, tuttavia, dato che ho una testa e mi piace farla funzionare, non vuol dire che accetto acriticamente tutte le cose targate Apple. Ce ne sono tante di cose che non mi vanno bene, ma il discorso “rivolgetevi alla concorrenza” è una cosa che mi intristice. Ma dove siamo, alle elementari?

    Ora vuoi farmi credere che tu non hai MAI criticato niente in vita tua? Neanche le previsioni del tempo? O i prezzi al supermercato? O il governo? O il caffè al bar? Una partita di calcio?

  3. Al posto che rispondere alle provocazioni Steve dovrebbe rispondere alle domande…
    Dal mio modesto punto di vista non è detto che se un’azienda ha una buona fetta di mercato, sia per questo da considerare migliore di altre aziende o capace di scelte giuste per la comunità…
    Quando si critica la Microsoft non si fa un errore, lo stesso quando si criticano le nuove politiche di Apple…

  4. In questi ultimi tempi trovo che Apple (primo fra tutti mr. Jobs) farebbe una cosa saggia a stare zitta! Stanno sempre di più rovinando la loro immagine con atteggiamenti arroganti, come questo, o dispotici come quello avuto con Ellen DeGeners o nei confronti di questo stesso blog.
    Le parole pronunciate sarebbero assolutamente condivisibili se stessimo parlando di critiche rivolte ad un bloggher che lo fa per passione (ma anche qui ci sarebbe molto da ridire), è un po’ diverso invece se sono rivolte ad una multinazionale che vende a caro prezzo i suoi prodotti. Multinazionale che per altro ama sostenere che sono i loro prodotti ad adattarsi alle esigenze delle persone e spesso ricordano come le loro innovazioni sia introdotte per soddisfare le richieste dei consumatori. Ma a quanto pare è solo propaganda, ultimamente sta dimostrando di non saper accettare le critiche, di non aver il benchè minimo senso dell’umorismo e di essere dei moralisti maniaci del controllo.
    E comunque, SVEGLIA STEVE! se si è preso la briga di scriverti vuole dire che è un consumatore affezionato deluso, forse anche amareggiato perché vede un azienda in cui si riconosceva tradire sempre di più i suoi ideali originali e diventare sempre più simile a quello che si proponevano di “combattere”. Rispondere per le rime è un comportamento da uomo maturo? È un comportamento adatto ad un uomo nella tua posizione? la risposta è NO!

  5. La penso esattamente come sartomiki, Apple si sta sempre più trasformando in una multinazionale chiusa sulle sue posizioni, che non accetta critiche, neanche sarcastiche. La partecipazione dal basso, fondamentale nell’era del web 2.0, non è considerata da Apple e questo a lungo andare non potrà che penalizzarla. Quella di Jobs è una risposta stizzita, che non vuole ricevere critiche, e cerca di umiliare l’interlocutore solo sulla base di una presunta superiorità. Comportamento arrogante e da biasimare, a mio avviso, dal momento che se Apple ha assistito a un boom incredibile di fatturato negli ultimi anni è grazie al consumatore, che non può essere considerato un soggetto da manipolare. Tutto ciò non fa che crollare la stima che pure ho avuto finora per quest’azienda. E l’intransigenza di certi utenti Apple mi ricorda i peggiori fondamentalismi religiosi.

  6. Anch’io non concordo con la scelta di Apple a non permettere agli utenti di utilizzare flash player… è una limitazione che secondo me penalizza molto l’uso dei suoi prodotti sul web. Sull’iphone la mancanza forse non è rilevante, ma sull’ipad, a mio avviso, il flash player è indispensabile, soprattutto per la navigazione dei siti web interamente o in parte creati in flash.

  7. Per comunicare è anche importante “ascoltare,” “sopportare” non basta, altrimenti è come parlare da soli.

  8. Mi convinco sempre di più che se Steve non avesse parlato per niente di Flash, non avremmo avuto una miriade di “professori” con le loro critiche inutili.

    Io non capisco una cosa, in un mondo tecnologico fatto di eterni compromessi tra il “fare” ed il “poter fare”, i prodotti Apple riescono a dare soddisfazione, piacere e usabilità. Hanno qualche difetto o mancanza? certamente meno degli altri.

    ciao

  9. #Kikkokilo “Hanno qualche difetto o mancanza? certamente meno degli altri”

    Questo lo dici tu…. E chi sei tu?…

    • Così se avesse implementato il Flash ci sarebbe stato un nutrito gruppo di chi si sarebbe lamentato dei crash, rallentamenti e penosa autonomia della batteria. Vada come vada c’è sempre qualcuno che si lamenta.

  10. Questo lo dico anche io.
    E sono un utente soddisfatto. Basta e avanza.

    Ogni volta che ho usato altri cellulari o apparecchiature ho incontrato una marea di difetti, alcuni piccoli, altri scomodissimi! Di questi, però, non si parla perchè il dispositivo che ne soffre non è così famoso da far parlare.

    E dato che non se ne parla, gli altri dispositivi sono perfetti!

  11. Ma scusate se non vi garba l’iPhone o l’iPad perchè non comprate altri device che magari supportano sto Flash??così una volta e per tutte sarete pienamente soddisfatti.

  12. Con lo stesso criterio del sig. Jobs, io non potrei nemmeno dire “bello” o “brutto” di un quadro visto che non sono un pittore …

    Caspita, assolutamente intoccabile la grande mela …

  13. “Così se avesse implementato il Flash ci sarebbe stato un nutrito gruppo di chi si sarebbe lamentato dei crash, rallentamenti e penosa autonomia della batteria.” Sarebbe difatti un limite dell’iPhone. Come dire che faccio un’auto che può solo andare in pianura, perchè in salita consumerebbe di più e rallenterebbe. Ma un’auto così non elimina le salite, semplicemente le evita.

  14. @max64
    uso i computer (TUTTI) dal 1986 e ho partecipato (economicamente) a svariati FALLIMENTI di PalmOs, PocketPC e Symbian, roba da spaccargli il grugno per quanto facevano schifo, e se li facevano pagare eccome.

    Un Mac o un qualsiesi altro prodotto Apple è di gran lunga più affidabile ed usabile degli altri.

    comunque preferisco trattare questi argomenti per quello che sono…. diversivi alla monotonia di una giornata di lavoro.
    Sinceramente me ne frego di difendere la Apple, dico solo che per la prima volta non riavvio e non resetto il mio smartphone, e se questa cosa si paga rinunciando al Flash, beh il costo non è (per me) così rilevante.
    Poi ognuno fa le sue valutazioni e se vuole si compra uno dei tanti prodotti sul mercato, magari più adeguato alle sue esigenze.

    Ciao : )

  15. su macrumors un tizio da del “fascista dell’era moderna” a jobs perchè decide ciò che vuole rispetto all’azienda che amministra.

    secondo me questo tizio è un’idiota, non ha capito nulla di come si porta avanti una realtà come quella di apple.

    una cosiderazione;

    sensate che razza di casino se tutti potessero fare quello che vogliono nell’appstore. ci sarebbero 20000000000 di applicazioni, tutte inutili scommetterei pure fatte male.
    quindi il controllo ci sta.

    la differenza è tra criticare in modo costruttivo, e rompere i c******i solo perchè se ne ha voglia, o perchè nn si nutre simpatia.

    ogniuno deve fare quello che vuole COMPRESO JOBS. ed essendo che apple è praticamente sua se vuole mettere una cacca di elefante dentro la scatola dell’ipad perchè ci crede deve poterlo farlo senza troppe critiche.

  16. Steve, che Dio ti benedica e ti protegga, faccia splendere il Suo volto su di te e ti preservi per tutti noi qui sulla Terra: abbiamo bisogno di te, delle tue invenzioni, di una Rete web finalmente pulita da ogni impudicizia e volgarità.

  17. Qui non si sta criticando le caratteristiche o l’affidabilità dei prodotti apple, anch’io non potrei vivere senza Iphone o il mio Mac… ma si discute soltanto di una limitazione che per alcune persone è un grosso ostacolo e per altre no. Io, ad esempio, sviluppo siti in flash, e non posso far interagire i siti che faccio con l’iphone e, in futuro, con l’ipad. Visto che fino ad ora le due società (adobe e Apple) hanno sempre interagito ottimamente (tutti coloro che utilizzano la suite adobe preferiscono utilizzare un mac per ovvi motivi) non vedo perchè non si possa trovare una soluzione. Poi se un utente preferisce avere una autonomia più bassa della batteria pur di utilizzare il flash player dovrebbe essere libero di farlo. Molti di voi che parlano del rischio di diminuire l’autonomia della batteria sono sicuro che utilizzano le notifiche push di facebook e altri social network che riducono di molto la durata della stessa.

  18. ancora flash??
    ma chiedetegli o criticategli qualsiasi altra cosa! ormai sappiamo cosa pensa su adobeflash.
    E in ogni caso secondo me fa bene. vuol spingere html5? lasciatelo fare cacchiarola!!

  19. Nessuno si e’ accorto che Steve nella mail difende a spada tratta l’operato della ultraodiata concorrente ultramonopolista, nonche’ colpevole, multata e condannata Microsoft? Non ci trovate niente di strano? 😉

  20. Appunto. “Voltagabbana”, si diceva una volta. Ad ogni modo Jobs dice bugie. Non e’ vero che Microsoft (o alcun altro) “ha ogni diritto di fare quello che vuole sulla sua piattaforma”. E’ una solenne panzana, tanto e’ vero che Microsoft e’ stata condannata piu’ volte, sia negli States che in Europa. Se Jobs crede di essere riuscire dove non ce l’ha fatta Gates, si accomodi. Temo per lui (non per noi consumatori) che i fatti si incaricheranno di smentirlo tra non molto.

  21. Premesso che ho grande stima del genio che è Jobs, devo dire che risulta, in casi come questo, un tantino spocchioso, per carità ripeto che è un genio, ma poteva tranquillamente cestinare la mail di questo utente piuttosto che dare una risposta inutile come quella che ha dato.

    Per il fattore critiche quoto Kiro… se sei bello ti tirano le pietre, se sei brutto ti tirano di tutto…

  22. L’utente in questione è un responsabile di Gawker, l’azienda che sta dietro a Gizmodo, nella mail ha accusato Jobs di aver abbattuto la porta di un suo collaboratore (jason chen).

    Visto e considerato il suo ruolo e che c’è un’indagine in corso, non dovrebbe giocare a fare il bambino con steve a mio avviso…

  23. Il problema stà nella sincerità delle motivazioni. Jobs non dice che implementare Flash è sconveniente economicamente. Non vuole suite di sviluppo non controllate da Apple, non vuole giochi ed app Flash installabili al di fuori dell’APP Store. Questo, per me, è il vero motivo. Le altre motivazioni sono risibili. Altresì l’iPhone, che comunque adoro per la qualità dell’interazione, ha molti difetti: batteria indecorosa (col 3G dura metà giornata), GPS indecente, mancanza multitasking, Sync solo son iTunes, controllo maniacale dei contenuti (p.es. cancellazione automatica suonerie ove si faccia Sync su piu’ computer dello stesso proprietario), bassa risoluzione schermo (ormai solo i cell sotto i 100 € hanno QVGA).

  24. NON CAPISCO COSA CI TROVI DI STRANO IN UNA PERSONA CHE PARLA AD UN CANE!
    CAPISCONO MOLTO DI PIù DI CERTE PERSONE. CREDIMI.

Cosa ne pensi?