Apple è organizzata come una startup

Mi ha fatto molto pensare la dichiarazione di Steve Jobs durante l’intervista del D8. Il CEO di Apple, infatti, ha dichiarato che il successo della società sta nel fatto che Apple è gestita come una grande startup. Cosa significa questo?

Le startup sono società molto giovani che di solito creano un modello di business ben definito, focalizzato su pochi prodotti, su cui lavorano tutti i dipendenti divisi per gruppi. La differenza con una società tradizionale è la divisione del potere. Non c’è una distribuzione di tipo verticale, o piramidale, in cui le varie sezioni hanno potere sui loro sottoposti obbligati solo ad ubbidire. Sezioni che spesso non si parlano tra di loro per vincoli gerarchici.

Le startup sono di solito localizzate in open space, dove tutti possono comunicare tra di loro. Ognuno partecipa alla costruzione del valore della società in prima persona, responsabilizzato dal proprio ruolo. Il lavoro di solito è distribuito per progetti a cui è affidato una scadenza e un risultato da ottenere.

E’ interessante sapere che la società più grande degli USA, per grandezza in capitalizzazione, non sia divisa per comparti ma sia un enorme incontro di team che collaborano tra di loro per unire le sinergie. Ci vuole molta capacità di leadership per scegliere le persone giuste ed evitare le lotte interne e a quanto pare tutto questo in Apple funziona.

5 Comments

  1. Ed è per questo che, se manterrà questa collaborazione interna, Apple diventerà un’azienda insormontabile.

    L’UNIONE FA LA FORZA, e se a questa aggiungiamo il fatto che piace ciò che si sta facendo, salta fuori l’azienda “perfetta”.

  2. ovvio che sia così quando a capo di tutto c’è una persona come Steve Jobs. lui deve poter supervisionare tutto, perchè è un visionario. non può semplicemente delegare ad altri che poi comunicheranno ad altri ancora, deve seguire lo sviluppo di ogni singola fase, quindi il modello è collaborativo orizzontale. esiste Lui e gli Altri.

Cosa ne pensi?