Devine offre 600.000 $ per uscire di prigione

Paul Devine, l’ex manager di Apple accusato di aver preso dangenti dai fornitori, è ancora in carcere e il suo passaporto, così come quello di sua moglie, sono stati sequestrati per evitare l’occultamento di prove.

Mentre Apple si assicura che nessun segreto industriale sia citato durante le udienze, l’avvocato di Devine dichiara che il suo cliente è disposto a pagare 612.407 $ di cauzione. I soldi sarebbero frutto di un prestito ricevuto dando come garanzia la casa del manager e quella di sua madre nel Maryland. L’unico problema è che 313.000 $ sono su un conto coreano e non possono essere trasferiti negli USA, quindi è probabile che l'ex manager debba ricorrere ad ulteriori ingenti prestiti.

Qualche settimana fa furono trovati 150.000 $ in contanti in una scatola di scarpe a casa di Devine. L’accusa è di aver preso circa 1 milione di dollari in tangenti.

[via AppleInsider]

One Comment

  1. Beh, Macity sostiene che abbia pagato 600.000$ più 50.000$ da suo fratello e altri 313.000$ da un conto in Corea.

    Se ha rubato 1.000.000$, ha quasi pareggiato. I rimanenti 37.000$ li regala a Melamorsicata e siamo tutti felici!

Cosa ne pensi?