La pirateria colpisce anche i codici delle app, il caso Lugaru

Di solito siamo abituati a sentir parlare di pirateria quando un utente si appropria dei diritti di utilizzo senza pagare il prezzo corrispettivo chiesto dall’editore o dall’autore dell’opera. Pirateria è scaricare un brano senza pagarlo o attivare un gioco senza averne la licenza.

Un nuovo tipo di pirateria, però, si affaccia all’orizzonte: quella dei codici sorgente. Il caso Lugaru è molto singolare. Si tratta di un gioco di conigli abbastanza violenti che si combattono con arti marziali e armi. Il gioco nascque come open source per poi approdare nel Mac App Store con un peso di 34,2 MB e un prezzo di 7,99 €.

Michael Latour, però, ha pensato bene di prendere quel codice sorgente e confezionare lo stesso gioco e venderlo nel Mac App Store con un peso di 33,6 MB e un costo di 1,59 €. Quindi lo stesso gioco è in vendita a prezzi differenti. Solo che nel primo caso la società Wolfire Games ha i diritti di vendita e Michael teoricamente no.

La società è abbastanza arrabbiata con Apple per non essersi accorta dell’applicazione doppia. Ora ha chiesto chiarimenti per far eliminare l’app di troppo. Capiterà anche con altre applicazioni? Segue un video del gioco dopo il continua.

[via 9to5mac]

One Comment

  1. “Capiterà anche con altre applicazioni?”
    Assolutamente no!
    Per inviare un’app al Mac AppStore occorre avere il source code, in questo caso è stavo il dev dell’app da €8 a fare una minkiata, cioè prima fanno un gioco open source e poi lo vendono a €8, ma che si so fumati?

Cosa ne pensi?