Il presunto menu di accesso di iCloud e altre notizie

C’è grande attesa per il lancio dell’iCloud, la nuvola di servizi on line che sarà presentato lunedì. Cosa conterrà? Prima di scoprirlo in rete appare quello che dovrebbe essere la finestra di login al servizio. Si nota la grafica in stile pass, segno che non sarà solo un servizio musicale ma un accesso, appunto il pass, a una serie di servizi.

L’iCloud, però, sarà anche musica. Secondo i dati raccolti dai media la società ha stretto accordi con i quattro discografici più grandi: Warner Music, EMI, Sony e Universal. Un accordo che Google non ha e che potrebbe portare Apple a un gradino superiore. La società, per convincere a firmare i contratti, avrebbe corrisposto ad ognuno di essi somme dai 25 ai 50 milioni di dollari come garanzia del ritorno economico della Nuvola.

Il servizio iCloud dovrebbe essere gratis per tutti per un primo periodo di tempo e poi costare tra i 20 e i 25 $, con uno sconto per gli studenti. Il 30% degli introiti andrebbe ad Apple, il 12% agli artisti e la parte restante ai discografici e allo Stato sotto forma di tasse. Secondo gli esperti se il servizio funzionerà bene potrà danneggiare molto RIM che con il suo servizio push ha conquistato, tempo fa, parte del mercato.

[via latimes]