iCloud, ecco la nuvola della vostra vita digitale

La nascita di iCloud, il servizio che sarà gestito grazie ai data center del North Carolina, è giustificato dal fatto che ormai abbiamo tutti una vita digitale. Foto, documenti, musica, email e altro sono utilizzati non più su un unico computer, ma su più dispositivi come iPhone, computer fisso e portatile. Per tale motivo avere uno spazio on line che aggreghi tutto e renda tutto disponibile da qualsiasi punto è molto utile.

Apple apre il sogno dell’hub digitale con iCloud che funzionerà su più punti:

  • Musica. I brani comprati dall’iTunes Store appariranno negli altri dispositivi collegati al proprio iCloud. Se si acquista un brano nell’iPhone, per esempio, apparirà anche nel Mac o nel Pc con il pulsantino per provvedere al download, senza richiedere sincronizzazioni.
  • Foto. Le immagini scattate saranno disponibili subito in tutti i propri dispositivi. iCloud gestisce le ultime 1.000 foto per un periodo di 30 giorni e permetterà di scaricarle tutte con un click da ogni dispositivo. Le foto non scaricate saranno sostituite con nuove foto. Ovviamente resteranno in forma fisica nel dispositivo con cui si saranno scattate, come un iPhone. iCloud permetterà anche di vederle live nella Tv, per esempio usando l’AppleTv.

  • Applicazioni e libri. Le applicazioni installate in un dispositivo saranno automaticamente disponibili al download negli altri dispositivi collegati al proprio account. Stesso discorso vale per i libri. I documenti scritti in un dispositivo, inoltre, saranno salvati direttamente nella nuvola per un consulto in altri computer. iWork ha già questa funzione, ma gli sviluppatori avranno la libertà di integrare questo salvataggio automatico nelle proprie app.
  • Backup. Avete paura di perdere tutte le vostre informazioni per la rottura del telefono o un furto? Niente paura, in iCloud sarà possibile effettuare il backup automatico delle applicazioni, la musica, le foto, le impostazioni di sistema, i messaggi, le suonerie e così via.
  • Contatti, calendari e Mail. Come avveniva in MobileMe, le email in @me.com, i contatti della rubrica e gli impegni in calendario funzioneranno in iCloud con le notifiche push.

iCloud prende a tutti gli effetti il posto di MobileMe che va in pensione. Il servizio è completamente gratuito per 5 GB di spazio, mentre si pagherà lo spazio aggiuntivo. Il servizio è gratuito in forma beta da subito, mentre la versione definitiva arriverà in autunno.

  • Mauro

    Avete visto che già ora andando nella sezione “Aggiornamenti” dell’AppStore c’è la possibilità di visualizzare le applicazioni acquistate ma non installate sull’ iDevice? A fianco c’è una nuvoletta che ricorda tanto iCloud …

  • Lillo

    ho visto, ma ho una domanda:
    nella lista ci sono anche delle applicazioni che ho deciso di eliminare perchè poco interessanti, ma che continuano ad apparire negli “aggiornamenti” con la nuvoletta di fianco. io vorrei invece non vederli più, perchè non mi interessano. come si può fare?

    • No non si può fare perchè contabilmente è stata venduta e sarebbe come annullare la vendita iniziale.