Finisce l’era Jobs, conversiamo a tal proposito

E’ finita l’era Jobs per Apple, questa volta definitivamente. E’ questo l’antefatto che sta facendo tanto discutere nella rete in queste ore. Il momento storico che prima o poi doveva avvenire si è presentato in una calda notte d’estate, in un passaggio ritenuto ideale.

L’uscita di Steve Jobs da Apple sarebbe potuta avvenire con la sua morte lasciando panico tra gli azionisti e gli utenti. Invece l’ex CEO ha deciso di accompagnare questo passaggio dolcemente, ritagliandosi un ruolo importante ma defilato in grado di controllare, dall’alto del Consiglio di Amministrazione, il corretto svolgimento dell’evoluzione della società e garantire a Tim Cook un po’ di respiro con il prossimo iPhone 5, prodotto che accoglierà visibilità e interesse da tutto il mondo.

Un tesoro da oltre 70 miliardi di dollari, conti più che rosei e una capitalizzazione senza eguali in Borsa. Apple è diventata un colosso dell’elettronica e una società sana può sopportare l’era post Jobs senza dubbio. Tim Cook, attuale CEO di Apple, è un uomo calmo, amante dello sport e stretto collaboratore dell’ex capo.

51 anni, ex di Compaq e IBM, Tim Cook è stato l’uomo jolly che ha ottimizzato la produzione in Asia portando al crollo dei costi di produzione della società. In Apple ormai da 13 anni ne racchiude l’essenza e rappresenta la dinamicità che molti investitori richiedevano da tempo. Forte, deciso e dal carattere determinato, Cook saprà dirigere Apple verso il futuro, seppur senza la stessa visione a lungo termine di Steve Jobs.

Per i prossimi due anni non ci saranno cambiamenti nelle linee dei prodotti. Jobs ha lasciato in eredità ad Apple anche i progetti futuri oltre al suo aiuto esterno. Ma cosa sarà Apple dopo? Sarà più aperta e meno avara nei confronti degli utenti? Continuerà a seguire una linea di bellezza e semplicità oppure si dedicherà a tutte le fasce di mercato per uscire dalla sua posizione di nicchia?

Queste domande, purtroppo o per fortuna, avranno risposta solo nei prossimi anni. Ma questa è un’altra storia che vivremo tutti insieme.

11 Comments

  1. cit.”La Apple ha avuto la bravura di trasformare i consumatori in adepti la cui mente trasforma i difetti in features.”

  2. Tornando seri non riesco a capire la Apple che fine farà senza l’uomo che l’ha portata dov’è, la storia della società insegna.
    Io poi non riesco ancora a trovare 10 buoni motivi per lasciare linux e il mio 15 pollici da 349 euro e spendere 1700 euro per un portatile 15″ con una mela dietro, per favore aiutatemi ho problemi seri.

  3. Che tristezza..
    L’unica domanda che mi faccio e se l’era jobs è durata anni e anni quanto potrà durare l’era cook??
    Steve ha iniziato da giovane e ha lasciato a 56 anni il ruolo di ceo .. Cook ha già 51 anni
    Bhe come primo giorno di era cook il nuovo zio Rilasciare una dichiarazione..

  4. Kiro, ma in cosa consiste la nuova carica di Jobs? Cioè può ancora consigliare sui nuovi prodotti? Se sì, anche i prodotti fra 5 anni saranno influenzati da Jobs?
    Secondo te i prossimi keynote saranno eseguiti da Jobs o da altri?

    Grazie!

    • No il presidente del consiglio di amministrazione presiede e dirige i lavori del consiglio. Si tratta delle decisioni più importanti inerenti la società, soprattutto di ordine finanziaro. Tim Cook è l’attuale capo di Apple e a lui vanno tutti i poteri di scegliere i prodotti e le strategie. Teoricamente se il consiglio di amministrazione vuole può chiedere le dimissioni di Tim Cook in qualsiasi momento, quindi Steve guarderà dall’alto il lavoro svolto in Apple.

      • Grazie della risposta. Però Jobs verrà a sapere in qualche modo delle decisioni sui prodotti prese da tim cook, potendogli dare dei suggerimenti? Cioè Jobs e Cook non lavoreranno più insieme per progettare i futuri prodotti?
        Cioè quindi riguardo ai prodotti Jobs non c’entrerà più nulla?

  5. Dalla sua lettera: “Rassego qui le mie dimissioni da CEO di Apple. Vorrei continuare a servire, se la Board lo ritiene opportuno, come Chairman of the Board, direttore e impiegato Apple.”

    Oltre a presidente quindi sarà anche direttore e impiegato Apple.

    Cosa vuol dire?

    Ma lavorerà ancora in Apple? Se sì di cosa si occuperà?

      • ok ho capito. Ultimissima domanda: ma quindi per quanto riguarda le caratteristiche dei futuri prodotti lui non conta più nulla no? Lui rimane in Apple solo simbolicamente?

        Grazie per la pazienza

Cosa ne pensi?