Brevetto raffreddamento a ioni

Tutti i dispositivi elettronici riscaldano. Dove c’è energia e movimento c’è anche calore. Quando questi riscaldano un po’ troppo, rischiando di compromettere il funzionamento dell’hardware, vanno raffreddati. E’ un’operazione che avviene sempre nei computer mediante delle ventole o tramite dei costosi e ingombranti sistemi liquidi.

Apple, però, ha in mente un’altra soluzione: il raffreddamento a ioni. A differenza delle ventole che raffreddano una determinata area, senza prendere in considerazione cosa riscalda e cosa no, il raffreddamento a ioni può essere localizzato.

Grazie a delle camere formate da strutture di elettrodi, infatti, l’aria ionizzata viene spinta da una direzione all’altra raffreddando una determinata area anche piccola. Si potrà raffreddare, così, il processore indipendentemente dalla GPU, l’hard disk e così via. Tramite dei sensori, quindi, il sistema potrà raffreddare un’area specifica del computer eliminando gli sprechi.

[via patentlyapple]

Leave a comment

Cosa ne pensi?