ENEL attiva il concorso Blogger Awards 2012 e permette di vincere un iPad

Di premi dedicati ai blogger in Italia ce ne sono pochi. Il blogger, anche se aiutano nella diffusione delle informazioni, sono sempre stati considerati parte di un giornalismo troppo rozzo per essere presi in considerazione. Una tendenza che non si registra, invece, negli Stati Uniti dove sono consultati dai media e dagli editori.

Per dare lustro ai blogger in Italia, ENI ha organizzato un grande concorso. L’evento permette di mettere in mostra gli articoli significativi che hanno ispirato persone e avvenimenti. Per partecipare bisogna avere un blog da almeno 6 mesi, scrivere almeno 2 articoli a settimana e non avere un blog multi autore, cioè i cui articoli hanno un solo autore e non un gruppo di autori. Per esempio potrebbero essere candidati MacBlog, MacMinimalista o Efficacemente.

Dopodichè basta visitare il sito Enel Blogger Award 2012 entro il prossimo 17 gennaio e candidare il proprio blog. Durante la candidatura bisogna indicare un articolo che per il blogger è stato il più visitato, ben scritto e degno di nota. Ci potranno essere 4 vincitori, ognuno per una categoria: ambiente, finanza, attualità e life style. Ovviamente ogni blogger può partecipare ad una sola categoria.

I vincitori di ciascuna categoria riceveranno un iPad 2 WiFi+3G da 32 GB e l’invito a presentarsi alla premiazione ufficiale tenuta da ENEL. Dalle ore 10 del 18 gennaio fino alle ore 24 del 18 marzo si potranno votare gli articoli sul sito. Una classifica informerà chi sta vincendo per ciascuna categoria.

Il concorso diventa anche un’ottima occasione per avere visibilità e possibilità di collaborare con terzi. In più c’è in palio un iPad che può sempre aiutare nell’attività di blogging. Per partecipare non vi resta che valutare se si hanno i requisiti e collegarsi al sito Enel Blogger Award 2012. ENEL si riserva il diritto di escludere dal concorso i blog che trattano argomenti illeciti o dal contenuto di cui non si detiene il copyright.

Articolo sponsorizzato

Cosa ne pensi?