Se Steve Jobs fosse nato a Napoli

Ieri abbiamo visto alcuni regimi agevolati di cui Apple, e altre società, attingono a piene mani per pagare meno tasse. Ma non sono solo le agevolazioni fiscali ad aiutare la crescita di una società, dipende anche il luogo dove queste sono fondate. Cosa sarebbe accaduto se Steve Jobs avesse fondato Apple a Napoli?

Un articolo nato dopo la dipartita dell’ex CEO di Apple ne raccontava, per sommi capi, le sorti. Ora lo stesso autore Antonio Menna, spinto dal successo di quell’articolo, ne ha realizzato anche un libro. “Se Steve Jobs fosse nato a Napoli” è un libro che è possibile trovare in libreria o nell’iBookstore e Kindle Store.

Racconta la storia di Stefano Lavori e Stefano Vozzini che insieme si danno alla passione dei computer. Non trovando lo stesso ambiente favorevole all’imprenditoria come quello della Silicon Valley, il loro destino prende una piega per nulla simile a quella presa da Apple.

Un libro che fa il punto della situazione di una nazione che fa morire i sogni degli Steve Jobs italiani e che non riesce a farli crescere. Il libro è composto da 336 pagine e si acquista per 6,99 €.

Lascia un commento

Cosa ne pensi?