Tutto su iOS 6, con nuove mappe, Facebook e FaceTime in 3G

iOS 6

Atteso come sistema operativo del mondo, in base ai calcoli effettuati da Apple installato su 315 milioni i dispositivi, iOS sei è stato finalmente rivelato durante l’ultimo Keynote della società. Sul palco Scott Forstall mostrato tutte le novità del nuovo sistema operativo mobile, la società reputa il più avanzato del mondo. Vediamo quali sono le novità essenziali, tra e 200 che saranno aggiunte, per questo OS:

Mappe
Sbarazzandosi ufficialmente delle Google Maps, che rappresentano il 25% del fatturato mobile della società di Mountain View, Apple ha inserito le sue mappe con un investimento di circa 100 milioni di dollari e alcuni anni di lavoro. Le mappe di Apple hanno una nuova icona che rappresenta come sempre il campus della società.

Una volta aperta viene mostrata la nuova grafica pulita ed essenziale, con due pulsanti principali: uno per trovare la propria posizione con la bussola e l’altro per attirare il 3D, funzione che viene chiamata dalla società Flyover, perché mediante un algoritmo e un rendering vettoriale di alcune foto scattate dall’alto permette di volare sulla città.

Una delle funzioni principali è la navigazione punto per punto che permette di utilizzare l’iPhone anche durante la guida in auto, con tanto di indicazioni stradali, voce guida e avvisi in tempo reale nel caso di traffico o incidenti con la possibilità di cambiare percorso e risparmiare tempo. Le mappe al volante possono essere governate con Siri, l’assistente digitale, in modo da non distrarsi mai durante la guida. Tutto questo, ovviamente, ha bisogno della connessione internet perché non scarica tutte le mappe in locale.

Le ricerche locali, dal punto di vista delle attività commerciali, è garantito mediante una partnership con Yelp, da cui è possibile leggere le recensioni di ristoranti e alberghi e, volendo, è possibile integrare le informazioni sulle mappe all’interno dei propri contatti rubrica.

Siri
Grandi novità per Siri, l’assistente digitale di Apple, soprattutto alla luce del fatto che la società ha aperto 15 nuove lingue, tra cui finalmente l’italiano. Nello specifico abbiamo anche lo spagnolo, il canadese, il mandarino, lo svizzero, il cantonese e il coreano

La società ha anche aggiunto delle funzioni per ampliare l’utilizzo dell’assistente, nello specifico ora Siri offre le informazioni riguardanti lo sport come football e calcio, con la possibilità di interrogarlo sui risultati delle squadre, sui giocatori e sugli avvenimenti storici.

Siri fornisce le informazioni riguardanti i film con la possibilità di interrogare il database riguardante i trailer, gli orari dei cinema e gli avvenimenti storici sulle pellicole. Stessa cosa può essere effettuata in riguardo ai ristoranti per leggere recensioni, trovarne uno e volendo prenotare mediante OpenTable.

Forte integrazione è stata aggiunta con i social network mediante la possibilità di dettare voce di status per Facebook e Twitter, senza toccare neanche un tasto virtuale. Oltre a questi servizi, è possibile anche lanciare applicazioni a voce chiamando il loro nome senza doverle cercare nelle cartelle.

Infine, ma non per importanza, la sua funzione Eyes Free che permette di utilizzare Siri in auto senza dover toccare nessun tasto. Apple sta lavorando con le principali società di costruzione di automobili per integrare questo sistema che permette di rispondere alle telefonate, utilizzare le mappe, leggere le notifiche, leggere i promemoria e gli eventi di calendario e molto altro senza dover toccare neanche un tasto nel telefono.

Facebook
Come avvenne con Twitter lo scorso anno, dopo un bel po’ di attesa finalmente arriva l’integrazione di Facebook all’interno di iOS. Una volta inseriti i dati di accesso del proprio account, sarà possibile utilizzare numerose funzioni all’interno del sistema operativo. Per esempio nelle mappe è possibile condividere la propria posizione nel social network, in Safari è possibile condividere le pagine Web, in Game Center si possono condividere i propri punteggi ed è possibile aggiornare gli status sia con la tastiera che con la voce.

Integrazione con il social network più usato del mondo avviene anche con le foto caricabili all’interno del proprio account. Inoltre è possibile aggiungere i riferimenti di Facebook ai propri contatti e non dimenticare neanche un compleanno mediante la sincronizzazione con il calendario. La società ha anche previsto la possibilità di inviare in Facebook i propri consigli su applicazioni e musica dall’App Store e iTunes Store.

Condivisione dello streaming delle immagini
Le immagini diventano più social in iOS 6 grazie ad iCloud. All’interno dell’applicazione immagini, infatti, è presente un nuovo tasto chiamato condivisione dello streaming, questo perché il normale streaming fotografico può essere condiviso con altre persone in pochi semplici passi.

È possibile selezionare le immagini presenti nella nuvola di indicare le persone che possono vederle in tempo reale. Tutto questo a patto che la persona che riceve l’invito a vedere le immagini abbia iOS 6 o Mountain Lion. Oltre a poter prevedere, è possibile anche commentarle come avviene nei social network. Un sistema di notifiche avverte le persone coinvolte nell’arrivo dei nuovi commenti.

Funzione molto utile per condividere in tempo reale le immagini con i propri cari o i propri amici riguardanti determinati eventi.

Passbook
Tutti i brevetti visti negli anni precedenti riguardanti iWallet hanno ora una prima pietra di costruzione, vale a dire Passbook. L’applicazione è un nuovo elemento sviluppato all’interno della società e permette di raccogliere, sotto lo stesso tetto, una serie di coupon, carte sconto, biglietti del cinema, biglietti aerei e molto altro.

Utilizzando un sistema di codici QR è possibile amministrare tutti questi elementi, che teoricamente dovrebbero essere stampati, mediante una grafica molto curata. Sta al commerciante decidere se utilizzare questo tipo di sistema che può essere amministrato direttamente dal telefono.

L’applicazione prevede anche l’utilizzo dei servizi di geolocalizzazione e aggiornamenti in tempo reale riguardanti la scadenza dei biglietti, i cambiamenti dei biglietti aerei e altre informazioni. Sono convinto che con l’arrivo del prossimo iPhone il tutto integrerà anche la tecnologia NFC. Passbook rappresenta il primo passo verso i pagamenti tramite iPhone.

FaceTime
Sono convinto che il fallimento delle video chiamate si è avuto per via dei costi troppo alti. Apple risorgere questa tecnologia mediante una strategia molto semplice: la gratuità.

Grazie ad iOS 6, infatti, FaceTime oltre a funzionare sotto delle WiFi, ora può essere utilizzato anche sotto le reti 3G. L’utente ha bisogno soltanto di un piano di abbonamento dati abbastanza ampio per poter utilizzarlo appieno.

Sarà così possibile telefonare tutti i propri contatti con a disposizione uno dei dispositivi mobili o fissi della società per non spendere neanche un centesimo. Chissà cosa ne penseranno gli operatori mobili di questa scelta.

Gestione chiamate
Avete presente quando arrivano chiamate nel telefono e non si può rispondere? Di solito la chiamata finisce lì o in segreteria telefonica, ma con iOS 6 sarà possibile inviare un SMS interrompendo le chiamate in entrata. Questo SMS può essere compilato in precedenza e può contenere testo come, per esempio, “chiamami dopo” o  “sono in riunione”.

La funzione può essere attivata mediante uno slide verso l’alto. Stesso gesto che può essere effettuato per inserire all’interno di Promemoria la voce riguardante la chiamata persa, per non dimenticare di richiamare l’interlocutore stabilendo un orario preciso.

Altre novità
Con la funzione non disturbare è possibile interrompere tutte le chiamate in entrata e tutte le notifiche con un solo tasto. La funzione può essere anche richiamata mediante la programmazione in determinate fasce orarie, per esempio durante il lavoro o una sessione di studio.

Per quanto riguarda Mail, invece, Apple ha aggiunto le liste VIP in cui è possibile inserire nomi delle persone da cui si vuole ricevere la posta escludendo tutte le altre, utile quando non si vuole essere disturbati. Nei messaggi, inoltre, si possono inserire velocemente foto o video e si può aggiornare l’arrivo di nuovi messaggi con il sistema pull to refresh, tipico di Twitter.

Passando invece a Safari, la società ha aggiunto la possibilità di sincronizzare i siti aperti mediante iCloud, sincronizzazione che può avvenire tra i diversi dispositivi e il computer. Portando lo schermo dell’iPhone in orizzontale si passerà alla modalità schermo pieno. Infine la Reading List, dove si inseriscono siti da leggere un secondo momento, permette di leggere anche in offline perché salva le pagine nella memoria.

Find My iPhone ora integra l’opzione Lost mode che permette di seguire il telefono passo dopo passo sulla mappa, attivare un codice di quattro cifre e far apparire un messaggio con il numero di telefono da chiamare.

Sono oltre 200 le novità introdotte da iOS 6, come la nuova grafica per i negozi di applicazioni, musica e libri. Al momento il nuovo sistema operativo è disponibile soltanto per gli sviluppatori, ma sarà possibile scaricarlo gratuitamente a partire dal prossimo autunno quando sarà disponibile il nuovo iPhone. La compatibilità richiede almeno un iPhone 3GS, un iPad 2 o un iPod Touch 4.

33 Comments

  1. In effetti anche a me scoccia la mancanza di iPad 1, ma credo sia semplicemente dovuta al fatto che non è più in produzione, a differenza del 3GS…

  2. Ma hanno finalmente inserito gli “shortcut” per poter abilitare e disabilitare Bluetooth, WiFi, 3G, GPS direttamente dal Notification Center? E’ una banalità, ma è comodo.

  3. @kiro , come si fa,e se possibile per tutti,diventare developer ( non so come si scriva ) in modo da avere in anticipo le release in Beta ? grazie.

  4. Pingback: Tutte le news del WWDC 2012 (ReBlog) « Attrazioni Sistemistiche

      • Vabbè dispiace per chi ha un iPhone 4,intanto mi godo il 4S,mi ha lasciato a bocca a perta quando ho scoperto dal sito Apple ieri sera che iOS 6 partiva dall’autunno,ero già pronto a scaricarlo..

  5. Che dire..ho seguito tutto con attenzione, vi sono delle cose che mi hanno esaltato: finalmente un navigatore completo ed integrato, la dettatura vocale in italiano, l’integrazione coi social network (non ho capito se solo con FB o se anche con altri)..
    però cavolo..mancanze come i widget e l’impossibilità di customizzare la GUI… che palle…

      • Si è vero di novità ce ne sono ma dubito che introdurranno i widget a questo punto :(..il che mi fa pensare : ma che senso ha il notification center SENZA la possibilità di implementare i widget? non dico di averli direttamente in home (come su Android, comodissimo) ma averli almeno sulla NC non sarebbe male… non capisco perché la Apple a volte si incapponisca su certi dettagli importanti…

      • si ma non metteranno mai i widget su ios6.. e fanno bene.

        inoltre perchè la gente che in uno smartphone cerca la possibilità di cambiare tema, icone e sciocchezze varie, si ostina a comprare l’iphone?!

  6. no che centra? i Widget a livello professionale sono utili, avere il calendario a portata d’occhio è in alcuni casi (tipo il mio che lo uso tantissimo) molto utile

    Il poter cambiare tema rende lo smartphone più divertente e meno “stancante” alla lunga… avere sempre le stesse icone, lo stesso form etc dopo un pò stufa, è sempre carino dare la possibilità di personalizzare qualcosa..

    • ok, e quindi tu volendo queste cose, e sapendo che l’iphone non le concede, ( e spero che uno prima di spendere 700 in un telefono si informi su quello che gli potrà dare e su cosa no), perchè l’hai comprato?

      • Io provengo da un 3GS quando all’epoca iOS si mostrava veramente come una bella innovazione e poi sono passato ad un 4S, che non ho pagato 700 euro ma 199 …. spinto più dal comparto hardware che software.. e tutt’ora mi piacerebbe avere un Android dentro l’hardware e lo style del mio 4S ahah XD XD

  7. Ho capito male o avendo un abbonamento con traffico dati illimitato anche le chiamate in Face Time sotto 3G sarebbero gratis? Questa e’ una ipotesi oppure c’e’ la possibilita’ che gli operatori italiani mettano anche questo a pagamento?

  8. @Leandro
    si, quello che voglio dire è che apple non ti punta un fucile in faccia obbligandoti a comprare i suoi prodotti.. e visto che la varietà negli smartphone c’è ed è tanta, sono stufo di tutta la gente che dice le solite cose, criticano il sistema chiuso ( che non sanno neanche in cosa consiste la vera libertà di android, fossero tutti programmatori -.-‘), criticano la mancanza di ” personalizzazioni” ecc..
    ci sono più di 30 modelli di tutti i prezzi che hanno android, nel quale si può cambiare tema. perciò basta con ste lamentele stra-ripetute ed inutili. compratevi un android che fa quello che volete. punto.
    è come se io comprassi un S3 e poi mi lamentassi che c’è poca integrazione col mio mac.. prima di comprare bisogna pensare alle proprie esigenze. se per te l’importante era poter personalizzare il telefono (esteticamente parlando), e avere lo switch del wifi nella home hai sbagliato il tuo acquisto.

    • mmm beh io parlo con cognizione di causa visto che sono sviluppatore e sviluppo anche su Android… so cosa dico quando asserisco che Apple adotta una politica di chiusura, e non mi riferisco solo al framework di lavoro ma anche ai rapporti che devi stipulare con lei quando ti butti sul “suo” territorio.
      Poi io ho tutto il diritto di criticare, il fatto che abbia alcuni suoi prodotti non significa comunque che non abbia il senso critico di quello che sto utilizzando e che ho acquistato..

      • benissimo ma non hai ancora risposto alla mia domanda:
        come mai hai comprato l’iphone?

        nella tua risposta di prima hai detto che vorresti avere android come os e l’iphone per lo style..
        (l’hw lo tralascio visto che ci sono smartphone con caratteristiche maggiori a minor prezzo)
        quindi deduco che hai preso l’iphone per l’oggetto che rappresenta, non per quello che è.

  9. no, ho preso il 4S perché avevo creduto, ma mi sbagliavo in parte, che potesse essere un ottima evoluzione del 3GS e potesse rispondere a tutte le mie esigenze.
    Ebbene esso risponde a QUASI tutte le mie esigenze, ci sono alcune cose che non può fare e che invece può fare la concorrenza tutto qui.
    Solo che ho mezza roba che appartiene al mondo apple (un macbook, un macbook pro, il vecchio 3gs che mi funge da media render a casa per vedere i film nella mia rete home) e ho tutto legato ad iTunes e iPhoto..un pò viene da se quello di “rimanere” legato al mondo della mela… 🙂

    • esatto. proprio questo intendevo.
      quali sono queste cose che iphone non ti permette di fare??

      e poi fortunatamente anche tu possiedi diversi dispositivi apple, quindi sai che l’esperienza che ti da apple per quanto riguarda integrazione tra i suoi prodotti, sincronizzazioni ecc, sono imparagonabili con qualsiasi altro produttore.. e secondo me proprio per questo il non poter cambiar tema passa, non in secondo piano, ma proprio diventa una cosa insignificante.
      il discorso della gui me l’aspetto da 1 persona che per la prima volta compra un iphone provenendo da altri os e gli viene a mancare la possibilità di personalizzare, e comunque da un utente “inesperto”. tanto quanti bambini hanno l’iphone ormai ?! 😀
      e penso che per loro cambiare tema sia fondamentale!!
      ma non per me. ne per te.

      • Io intendo anche altre funzionalità che su iphone non si trovano..forse ti dirò una banalità qualunquista ma qualche sera fa mi sono ritrovato a dover passare dei file su un PC e non li potevo avere connessi in rete..con iPhone non ho potuto fare niente… ma con un vetusto Nexus S è stato semplice: l’ho attaccato al pc e l’ho fatto vedere come fosse una memoria di massa…
        mi è capitato in più di un’occasione di dover passare delle foto fatte in alcune occasioni di festa a coloro che NON hanno iphone e che usano il BT per queste operazioni… le mie foto fatte con l’iphone non le ho potute condividere..ho dovuto aspettare di tornare a casa, scaricarle sul pc e spedirle per email..
        Il problema è che iPhone (ed Apple) per queste cose è molto ma molto chiusa..
        Altra cosa ancora, sto facendo un progetto che riguarda lo sviluppo di un software mobile per controllare dei sensori connessi allo smartphone..ho scelto alla fine android perché su iphone, oltre a dover pagare la subscription, ho trovato così tanti limiti imposti da Apple (primo fra tutti costi enormi per poter fare il collegamento con i sensori tramite la loro porta proprietaria) che alla fine ho desistito.. e ho preferito farlo su android dove gli standard adottati sono più economici in quanto standard riconosciuti ad adottati da mezzo mondo (vedi la porta usb)..

Cosa ne pensi?