Lo scorso maggio si infiammò il dibattito per il caso ebook. L’Antitrust americano, infatti, accusò Apple di aver confabulato con gli editori per alzare i prezzi dei libri nell’iBookstore. Dall’altro suono della campana Apple e gli editori dichiararono che stavano solo cercando di riequilibrare il mercato dopo il monopolio attivato da Amazon.

Dopo la richiesta di un accordo da parte del Dipartimento di Giustizia, a cui Apple si è opposta perchè viola le libertà dei privati nel formulare i contratti, arriva una class action. Dei lettori che si sono chiamati in causa e si ritengono frodati dalle società hanno attivato una causa contro Hachette, HarperCollins e Simon & Schuster.

L’accusa è di aver richiesto prezzi più alti, per tale motivo hanno richiesto un risarcimento di 69 milioni di dollari. Le persone che hanno sottoscritto la class action sono quelle che hanno comprato ebook dal primo aprile del 2010 fino al 21 maggio del 2012. Se il giudice Denise Cote accetterà l’accusa gli editori dovranno risarcire ognuno di loro.

[via electronista]

Leave a comment

Cosa ne pensi?