Il giudice Lucy Koh lavora per portare la pace tra Samsung e Apple

lucy kohA volte quando vediamo due bambini che litigano a scuola tendiamo a bollare quel comportamento come infantile, qualcosa che con il tempo non si verificherà più. In realtà se ci pensiamo bene molte volte ci comportiamo ancora come bambini facendo capricci e litigando per futili motivi.

Per esempio il comportamento tra Apple e Samsung lo ricorda molto. Le motivazioni, però, non sono infantili: da un lato abbiamo Apple che non vuole che società come Samsung si approprino di invenzioni ottenute investendo tanto denaro, dall’altro c’è Samsung che vuole semplicemente vendere i suoi dispositivi senza troppa fatica.

Apple, per tale motivo, vuole che la multa iniziale da 1,05 miliardi di dollari in risarcimento danni non solo sia confermata, ma aumentata di altri 500 milioni di dollari a cui ha aggiunto la richiesta per vietare la vendita di 8 prodotti di Samsung. La società coreana, ovviamente, non vuole versare neanche un centesimo.

Anche se questa lotta danneggia gli utenti tra attese e possibili ban, resta in vigore l’appoggio morale verso ciò che riteniamo eticamente giusto, vale a dire che copiare e rubare è sbagliato. In questo contenzioso, però, c’è ancora chi crede nella pace. Il giudice Lucy Koh, infatti, dovrà emettere il verdetto di appello e vorrebbe tanto che le due società risolvessero con un accordo.

Riuscirà a diffondere la pace tra le due aziende? A me l’ipotesi sembra molto remota.

[via techcrunch]

Cosa ne pensi?