La password dell’hotspot personale è poco sicura?

tethering-firmware-30

Una delle funzioni più utili di iOS è la possibilità di utilizzare la rete 3G del telefono per attivare uno hotspot Wi-Fi personale. In questo modo, sempre se il piano del proprio operatore telefonico lo prevede, è possibile erodere il pacchetto di traffico dati mensile per navigare con il computer o un altro dispositivo.

Secondo tre ricercatori della FAU in Germania, la password che si applica all’hotspot personale potrebbe essere poco sicura. In base ai loro test, infatti, costruendo un algoritmo che utilizza 52.500 parole si può scavalcare la password in meno di un minuto. Utilizzando un computer con un processore AMD Radeon HD 6990, che ha provato numerose soluzioni in pochissimo tempo, sono riusciti a trovare le password utilizzate nella media.

Il problema è che molto spesso si tende a dare una password molto comune e facile da ricordare per questo genere di funzione. Questo perché si ritiene che la rete Wi-Fi generata dal proprio smartphone non sia poi questo gran problema. Il timore più grosso è quello di vedere collegate altre persone che riducono più velocemente il traffico mensile.

Il pericolo che qualcuno si intrometta nella propria rete è molto basso, in quanto dovrebbe avvicinarsi alla propria posizione e iniziare il processo di ricerca della password. Il consiglio è quella di utilizzare password lunghe, ma diciamoci la verità: chi teme di essere scavalcato nell’hotspot personale?

[via zdnet]