Le prime impressioni sull’iPad Mini con schermo Retina da chi l’ha provato

iPad Mini 2

L’iPad Mini con schermo Retina sarà probabilmente uno dei modelli più venduti. Le dimensioni ridotte permettono di trasportarlo ovunque. Un fattore che in un tablet non è di poco conto. Inoltre il prezzo è leggermente inferiore.

Anche se con alcune difficoltà iniziali, alcuni utenti sono riusciti a trovarlo nei negozi. Federico Viticci di MacStories, per esempio, ne ha comprato uno da 32 GB e ha trovato magnifico il nuovo display. In precedenza Federico ha utilizzato un iPad 3 e un iPad Mini 1 e ha notato le differenze con lo schermo Retina.

La cosa positiva è che lo schermo non riscalda come in passato. Con un uso intensivo non ha notato un surriscaldamento come poteva avvenire, per esempio, con l’iPad 3. Per l’autonomia della batteria non ha trovato differenze con quelle della generazione precedente che consente, vi ricordo, 10 ore di utilizzo.

Jim Dalrymple di TheLoop, invece, sente la mancanza del Touch ID. Avendo questo sensore nel suo iPhone ed essendosi abituato ad usarlo, a volte si ritrova ad appoggiare il polpastrello sul pulsante home senza ricevere risposta.

Questo fattore è curioso: la mente si è abituata in poco tempo ad associare le due azioni e le svolge automaticamente. Diventa una prova su come l’esperienza utente associata ad una tecnologia “invisibile” siano un’accoppiata vincente per l’uso dei sistemi.

Appena riuscirò ad avere la mia unità vi darò anche le mie impressioni.