Recensione del MiPow BTV500, l’auricolare bluetooth 4.0

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fino a qualche anno fa Apple vendeva il suo auricolare bluetooth. Era minimale, molto elegante, di colore nero, leggero e utilizzava il bluetooth 2.1. Costava un po’, ma all’epoca era in linea con i prezzi della concorrenza. Poi la società ha deciso di non aggiornarlo più. Un vero peccato però, perché sarebbe ancora molto desiderato.

Questo tipo di accessorio è molto importante in tante occasioni. Alla guida è fondamentale per non distrarsi (mi raccomando usatelo sempre). In inverno, quando si indossano i guanti, evita di dover sfilare il guanto per prendere il telefono dalla tasca. Inoltre l’auricolare è comodo in tutte le occasioni in cui si vuole avere le mani libere.

Per tale ragione ho cercato un modello che offrisse l’ultima versione del bluetooth, la versione 4.0, perché consuma meno batteria e consente di associare più dispositivi contemporaneamente. Con mia sorpresa ho scoperto che in realtà gli auricolari con bluetooth 4.0 non sono poi tanti. Tra i modelli più minimali c’è il MiPow BTV500.

Questo modello sembra un tubicino di alluminio munito del componente da inserire nell’orecchio. Misura 54,5 x 22,5 x 9 millimetri e pesa appena 6 grammi. In effetti quando lo si indossa non dà nessun fastidio e sembra di non averlo. Dopo un po’ ci si dimentica di averlo indossato.

La confezione è molto ricca. Realizzata in un blocco di alluminio, possiede una componente trasparente che mostra l’auricolare come in una teca esposta al pubblico. Sollevato il tappo si può liberare la ricca dotazione:

  • Un sacchetto per il trasporto.
  • 3 tappini per le orecchie di vari dimensioni di colore nero.
  • 3 tappini per le orecchie di colore bianco.
  • 2 fermagli trasparenti per tenerlo sulle orecchie.
  • 1 fermaglio nero per le orecchie.
  • Il cavo di ricarica corto.
  • Il cavo di ricarica lungo.
  • Manuale di istruzioni.

Il cavo di ricarica è proprietario e finisce con una porta USB. Nella confezione ce ne sono due di diversa lunghezza, in questo modo se ne perdete uno, ne avrete un altro di riserva. I tappino permettono di utilizzarlo in base alla grandezza del proprio orecchio.

Con una carica completa, che richiede 2 ore, permette di avere un’autonomia di 6 ore in conversazione o 10 giorni in standby. I microfoni inclusi sono due, di cui uno serve ad eliminare i rumori di fondo.

Dalle mie prove l’audio non mi è sembrato eccelso. E’ in linea con tutti gli altri auricolari. La confezione ultra-curata mi aveva generato delle aspettative elevate che non sono state soddisfatte. A volte l’interlocutore sente dei fruscii di fondo, anche se personalmente non ho mai sentito interferenze nelle conversazioni.

Quando si spegne, tramite un pulsantino posto sull’estremità opposta al microfono, una voce dice “power off” e quando si accende dice “power on“. Lo dice nell’auricolare, quindi non si sente quando si estrae il dispositivo dall’orecchio. Avrei preferito un semplice bip sonoro.

Il MiPow BTV500 può essere associato a due dispositivi contemporaneamente. Se avete un iPhone e un iPad, per esempio, potrete associarlo ad entrambi e gestire le fonti con il pulsantino di accensione che, se premuto, permette lo switch. Una serie di click di quel pulsante, come spiegato nel libretto di istruzioni, consente di rifiutare una telefonata, terminarne una, avviarne un’altra e così via.

Se si preme per un paio di secondi, per esempio, permette di usare Siri. Volendo è possibile usarlo anche per altri scopi oltre alla gestione delle telefonate, per esempio per ascoltare la musica, anche se penso sia masochistico ascoltare un brano stereo in un auricolare mono.

Alcune applicazioni che prevedono l’uso degli auricolari, come i videogame o le mappe di Apple, consentono di ascoltare tutto dal dispositivo. Altre, come WhatsApp, richiedono di interagire con il telefono perché nell’auricolare non arrivano.

Essendo un bluetooth di classe II, arriva a una distanza massima di 10 metri dal telefono.

Il MiPow BTV500 si può comprare nel colore argento su Amazon dove è venduto per 44,21 €. La versione lilla costa, invece, 39,46 €.

  • Robertinho1969

    Molto molto bello. Potresti cortesemente aggiornare la tua esperienza d’uso dopo un mese. Molti acquisti dopo un po’ rivelato il loro lato oscuro.
    Per come è descritto è interessante.
    Grazie

  • dataghoul

    Ah, l’auricolare bluetooth di Apple.
    Lo conservo come una reliquia…

  • Alessandro

    Non mi è chiara una cosa… è presente il pulsante per rispondere alla chiamate? (dal quale magari si può anche attivare l’assistente vocale)

    • Si è presente

      • Alessandro

        Fantastico! mi vincola solo una cosa adesso all’acquisto: la qualità audio. Dici che non è eccelsa, ma che voto daresti all’audio da 1 a 10 (riferito alla qualità di audio trasmessa a chi è dall’altro lato)? Hai trovato/provato prodotti migliori nel frattempo? 🙂

      • Direi un 6

      • Davide Addati

        Buongiorno ..mi sapresti dire se esiste il firmware italiano,ovvero se si può rifiutare o avviare telefonate solo con la voce grazie..meglio qst o jabra style?grazie..

      • Probabilmente questa è una cosa che deve fare Siri.