Phil Schiller

La prima persona chiamata a testimoniare nel processo di Apple contro Samsung è Phil Schiller, vice presidente del settore marketing dell'azienda di Cupertino. Apple, come saprete, ha 25 ore di udienze a disposizione e alcune di queste ore sono state offerte a Schiller per dimostrare alcune prove.

Nel suo racconto alla corte, Schiller ha spiegato anche una strategia che, in realtà, era sotto gli occhi di tutti, ma di cui adesso abbiamo conferma del fatto che Apple ne sia completamente consapevole. La strategia del silenzio prevede dei budget bassi per la pubblicità tanto, nei giorni seguenti il lancio dei nuovi prodotti, i media fanno tutto il lavoro sporco.

Non facciamo assolutamente nulla per alcune settimane. Abbiamo la strategia del silenzio"

Ha dichiarato Schiller in merito ai sistemi di promozione dei prodotti. Siccome i media, tra cui noi blogger, parlano dei suoi prodotti, Apple può permettersi il lusso di spendere appena 1,1 miliardi di dollari in marketing, come dimostrano i dati del 2013, contro il budget di 13 miliardi spesi da Samsung.

Come dico sempre, ci vorrebbe almeno un grazie da parte della società. Questa strategia non può durare in eterno.

Unisciti alla conversazione

15 Comments

  1. Tranquillo, durerà invece. Eccome.
    Anche perchè senza questa strategia, tu chiuderesti il blog e diresti addio a tutte le entrate.

  2. Caro Kiro, ti leggo sempre con interesse e divertimento, ma converrai che é lievemente arrogante la chiusura dell’articolo.
    Pensaci.

      1. Quanto incide il tuo blog nelle vendite di prodotti Apple? Virtualmente nulla. Quindi la chiusura dell’articolo é arrogante, oltre che polemica.
        Siamo noi lettori del tuo blog che dobbiamo ringraziarti, posto che non paghiamo nulla per gli articoli che posti sul blog, ma Apple a melamorsicata.it non credo che debba dire grazie proprio per nulla.
        Hai trovato il tuo filone di business, e lo fai con passione. Senza Apple, senza la strategia dei rumors e compagnia cantante, come ha lucidamente scritto qualcuno sopra, chiuderesti baracca e burattini.
        Io l’ultimo capoverso lo cancellerei. Facci una riflessione. Detto con simpatia.

      2. Non sono d’accordo. Forse in termini assoluti le vendite generate dalle informazioni fornite dal blog sono nulle perché una micro goccia in un oceano, ma l’oceano è formato da tante micro gocce.

        Apple non deve di certo ringraziare me. Avrei scritto “Mi aspetterei che Apple mi ringraziasse”. Il senso è che deve ringraziare i media.

        Quanto vale questo ringraziamento? Potenzialmente la distanza tra 1,1 miliardi e i 13 miliardi spesi da Samsung.

        Quando devo io ad Apple? Assolutamente nulla. La società non mi ha mai dato nulla. Se non scrivessi di Apple probabilmente scriverei di tecnologia in generale, forse ricavandone molto di più. Faccio ciò che mi piace fare, non ho di certo presentato il conto alla società.

      3. Apple a te personalmente non deve nulla, ma te a loro e alla loro capacità di creare un hype dal nulla, devi tutto.
        Impara l’umiltà, perché Dio c’è, ma non sei tu, e devi solo ringraziare dei soldi che fai scrivendo qualche articolo che, per inciso, si trova in tutti gli altri miliardi di blog che parlano di Apple, e che lo fanno con toni molto più “gentili”.

      4. Essere gentili non significa avere ragione. Spesso nella società di oggi è sinonimo di “leccaculismo”. Tanto di cappello a chi ha ancora il coraggio e l’onestà intellettuale di dire la sua.

  3. Però kiro devi ammettere che questo modo di fare di Apple va avanti da anni, e non mi sembra che nessun blogger si sia mai lamentato della sua arroganza. Tu sei il primo, ma come te dovrebbero farlo migliaia di altre persone. Solo così – come le gocce che compongono il mare – si potrà fare la differenza.

    1. Veramente delle lamentele le ho raccolte, solo che non molti hanno il coraggio di criticare. Basti pensare a ThinkSecret che fu costretto a chiudere.

      1. Apple li accusò di aver pubblicato informazioni riservate, schierò il suo esercito di avvocati e obbligò il sito a chiudere per evitare battaglie legali

      2. Ma un blog di quali dimensioni? E perchè non fece chiudere tutti gli altri blog che spifferano le notizie in anticipo?

Leave a comment

Cosa ne pensi?