HomeKit e l’importanza della domotica con Apple

HomeKit

Si parla di domotica da almeno 20 anni. Ma la differenza di oggi rispetto a 20 anni fa, è che i kit per rendere la casa più intelligente non costano un occhio della testa. Se entrate in qualsiasi grande catena di distribuzione di elettronica, molto probabilmente incontrerete questi accessori sugli scaffali.

Con iOS 8 i produttori di questi dispositivi non dovranno più sudare per far conversare i dispositivi con gli iPad e iPhone. Apple ha rilasciato delle API dedicate sotto il nome di HomeKit. In questo modo le applicazioni possono diventare più complete e potenti, con un’integrazione maggiore con il sistema operativo.

Tanto per dirne una: Apple consente di usare Siri con la domotica. Il suo utilizzo è stato spiegato anche da Creig Federighi al WWDC. Per esempio si può dire all’assistente che si sta andando a letto, per chiudere automaticamente il garage, la porta di casa, abbassare le luci e regolare la temperatura del termostato.

La cosa interessante è il sistema ideato da Apple, che riesce a comprendere esattamente in quale stanza è presente l’utente e attivare i sistemi solo in quella zona, oppure attivarli in una stanza ben precisa. Il tutto sotto la copertura di un sistema cifrato affidabile.

Per sviluppare questi sistemi, Apple ha già stretto accordi con numerosi produttori come iHome, Philips, Haier, Marvell, iDevices e molti altri. I loro dispositivi saranno compatibili con iOS 8 non appena questo sarà rilasciato al pubblico. Curioso vedere come Nest, nonostante produca un termostato di successo, non sia in elenco.

4 Comments

  1. Di certo è un servizio aggiunto, ma non porta nessuna innovazione, anzi il sistema Apple a me sembra integrare tra loro i soli sistemi già esistenti e controllabili via I devices, mancano i veri nomi della domotica, uno per tutti Crestron. Il controllo a zone, audio, security, clima, lighting, esiste da un pezzo. Resta una funzione utile, ma utilizzabile a quel che si legge in giro solo con i prodotti già esistenti, o con quei prodotti specificatamente sviluppati, quindi non integrabile con impianti domotici già esistenti.

    • Secondo te non porta nessuna innovazione?
      Secondo me invece si, primo tu potresti impostare tutto in base alle tue esigenze e semplicemente entrando in una stanza con il tuo iphone trovarti la stessa settata per le tue esigenze (luci, tapparelle, temperatura ecc ecc), entrando per esempio tua moglie per le sue. Andando via di casa la casa potrebbe chiudersi automaticamente, arrivando a casa ad una distanza prefissata (20km) accendere il climatizzatore o farti trovare la vasca da bagno piena, il tutto può avvenire senza mai toccare lo smartphone in quanto si può basare tutto sulla geolocalizzazione.
      Giusto per capire ora queste cose le puoi fare? Questo step evolutivo di un sistema come lo vuoi chiamare, ti ricordo che innovazione è diverso da invenzione, apple non ha inventato nulla neanche questa volta, ma sta innovando il settore sia nella fruizione sia nello standard da utilizzare.

  2. Già sono tutte implementate anche nei sistemi più semplici. Alcuni hanno comandi vocali. Probabilmente il prezzo è superiore, ma è anche superiore l’offerta d’integrazione. Crestron ad esempio, integra anche sistemi HT, quindi regola luci (colore, intensità), per le singole fasi di visione, inizio proiezione fine proiezione, inoltre interagisce con il sistema di ventilazione/climatizzazione dell’ambiente per regolare al minimo la velocità delle ventole durante la visione, per poi riportarlo al regime normale una volta conclusa la visione, comanda la discesa dello schermo o/e del proiettore, mette in pausa se rivela che uno degli spettatori si alza, regola il massaggio e la temperatura dei sedili ed altro ancora. Con una scheda di controllo specifica, è possibile riempire la vasca da bagno con l’acqua alla temperatura richiesta e mantenerla, attivare il sistema audio con la musica preferita, e impostare la temperatura ambiente, chiudere le tapparelle o oscurare i vetri, fino alla fine del bagno, doccia, sauna. Si possono creare innumerevoli scenari e richiamarli per evento, rientro in casa, uscita di casa, notte, giorno, o semplicemente richiamandli come controlli. Questi intervengono con le tapparelle, con il sistema d’illuminazione, per ricreare le condizioni di luce ottimali in base all’ora e alla quantità di luce proveniente dall’esterno. Crestron e BMW, MERCEDES, AUD, BENTLEY, RR ed altre marche automobilistiche prestigiose, hanno messo a punto un sistema per il pre riscaldamento dell’auto, ossia la mattina quando ti alzi, il sistema avvia direttamente l’automobile in modalità preriscladamento (deve essere presento l’optional sul veicolo), così che si è subito pronti a partire, con motore caldo e la tempertura desiderata nell’abitacolo già raggiunta. Queste sono solo alcune cose che già è possibile fare, sia in casa che da fuori casa, tramite cellullare (IOS, ANDROID, WP), o tramite portatile, desktop etc. etc. semplicemente collegandosi al sistema via web. Crestron tramite terminali Android, WP ed IOS, già geolocalizzava i vari utenti, ossia moglie, marito, figli, governante etc. etc., e predispone la domotica di conseguenza, inoltre in casa dove non è possibile geolocalizzare l’utente, utilizza i sensori. Crestron ha controlli addirittura per i sanitari della ATO.

Cosa ne pensi?