Google Copresence

Nel settembre del 2013 Google acquistò l’applicazione Bump, una delle più importanti dell’App Store, per circa 30 milioni di dollari. L’app consentiva di cambiare file tra i vari dispositivi mobili semplicemente dando un colpetto al dispositivo di destinazione.

Quell’app sarebbe stata migliorata e a breve dovrebbe tornare sotto un altro nome: Copresence. A differenza dell’app originaria, visto che Google è interessata ad aumentare il suo bacino di utenti, Copresence dovrebbe essere multipiattaforma. Questo consentirà lo scambio dei file tra sistemi operativi diversi tra di loro.

In questo modo sarà possibile mandare dei file agli utenti Android partendo da un iPhone, o viceversa ricevere un file in un iPhone da un tablet con Android. Chissà se si potranno scambiare qualsiasi tipo di file, come i brani musicali, oppure ci saranno delle limitazioni.

Join the Conversation

1 Comment

  1. Applicazione da EVITARE come la peste:

    If it can gain broad adoption, Google’s cross-platform Copresence features would give the company deep access to every document, photo, contact and map location that users share, because Bump’s technology requires a server side-connection to work.

    Praticamente ogni cosa scambiata può essere usata da Google per i suoi scopi.

Leave a comment

Cosa ne pensi?