Sony si rifugia nei prodotti di Apple dopo l’attacco hacker

Tv Sony Andromeda

Capita che un dittatore sia abbastanza spietato da non accettare neanche la satira, tanto da ordinare un costoso e mirato attacco informatico in un paese straniero. Per l’esattezza Sony ha prodotto un film comico che si chiama The Interview, dove un giornalista mira ad uccidere Kim Jong-un – dittatore della Corea del Nord – dopo averlo intervistato.

Il problema è che Kim Jong-un non ha gradito l’attentato, anche se finto, tanto da ordinare l’acquisto di un virus nel mercato nero, la sua modifica e l’introduzione nei sistemi informatici di Sony in un’operazione che ha richiesto mesi di lavoro.

A Sony sono stati sottratti 100 terabyte di dati, tra documenti, film, copioni e informazioni societarie. Un danno enorme che può portare alla cancellazione di altri film, oltre a generare un grande impasse internazionale.

Per evitare altri attacchi informatici, i dipendenti di Sony stanno passando ai sistemi di Apple. Come ha dichiarato un dipendente di Sony a TechCrunch:

Alcuni dipendenti hanno visto il sequestro dei loro computer, ma le persone che usano i Mac continuano a lavorare. La maggior parte del lavoro al momento passa dagli iPhone e iPad.

Il danno stimato per Sony è di circa 200 milioni di dollari.

2 Comments

  1. Una delle due: o gli hacker coreani sono molto bravi, oppure i sistemi informatici della Sony fanno cacare (perdonate il francesismo).
    Visti i precedenti, tendo a propendere per la seconda ipotesi.
    😀

  2. E’ solo speculazione, figuriamoci se sony passa ad apple… Ricordiamoci che produce notebook… Sono solo indiscrezioni a fini speculativi…. Che i dipendenti abbiano iphone e ipad ed usino i loro device personali, visto che i server centrali sono dei colabrodo, non vuol dire che SONY passa ad APPLE…

Cosa ne pensi?