Apple sodalizza contro l’attacco terroristico a Charlie Hebdo

Charlie Hebdo

Ormai conosciamo tutti i fatti avvenuti in Francia, a Parigi, presso la redazione di Charlie Hebdo. Questo settimanale francese si occupa di satira, spesso con toni molto irriverenti, tanto da aver causato indignazione, ma anche una risposta armata da parte dei terroristi.

Dopo un attentato nel 2011, dove furono lanciate delle molotov, la redazione è stata colpita duramente il 7 gennaio. Tre uomini armati hanno fatto fuoco sulla redazione causando 12 vittime. Un episodio che ha generato l’effetto opposto. L’indignazione ha unito l’Europa contro la minaccia terroristica.

Anche Apple solidarizza con la redazione. All’interno del suo sito in versione francese è apparso un banner con lo slogan “Je suis Charlie”, ad indicare l’appartenenza alle persone che lottano per la libertà di espressione.

Google ha donato 250.000 € per consentire di riattivare il ciclo di pubblicazione. Il giornale ha decuplicato le sue copie e si prospetta un’attività ancora più intensa di quella precedente.

3 Comments

    • Si direbbe “solidarizza”, da solidale, se fosse riferito alle vittime,
      Invece “sodalizza”, da sodale, è proprio tagliato per riferirsi ai responsabili delle vittime.

      Un titolo da RIFARE.

Cosa ne pensi?