Apple accetta di nuovo le app sulla marijuana perchè in alcune zone è legale

MassRoots

Lo Stato dovrebbe occuparsi della vendita della marijuana? Personalmente non ho un’idea ben precisa in merito, anche perché non l’ho mai provata. Ci sono tante persone, però, come Roberto Saviano, che da tempo spingono alla creazione di un monopolio, come è avvenuto con le sigarette e l’alcol.

Un controllo statale della marijuana sottrarrebbe risorse alla criminalità, consentirebbe ai fruitori di avere merce di qualità e porterebbe un po’ di soldi nelle casse dello Stato. Per questo motivo in molte nazioni, come in 23 stati americani, la marijuana è legale per uso terapeutico e a volte anche ludico.

Per questo motivo Apple ha deciso di ri-accettare le app che si occupavano di questa droga, dopo averle bannate per violazione della regola 2.18 del regolamento per sviluppatori:

Le app che incoraggiano un eccessivo utilizzo di alcol o sostanze illegali, o incoraggiano i minori nel consumare alcol o sigarette, saranno rifiutate.

Ne dà annuncio MassRoots, una community di fan della cannabis, all’interno del suo blog. Presto l’app dedicata apparirà nell’App Store, con una restrizione: solo le persone che abitano in quei stati dove la marijuana è legale potranno scaricarla.

  • dataghoul

    “Lo Stato dovrebbe occuparsi della vendita della marijuana?”
    Beh, vedila così: sarebbe sicuramente meglio poterla acquistare tranquillamente in farmacia, che non da uno spacciatore nordafricano…
    😉