Apple rende Swift 2 open source e accorpa i programmi di sviluppo

Swift 2

Quando qualcosa ti rende la vita più semplice tendi ad adottarla. È un principio base anche per gli sviluppatori. La vita ad uno sviluppatore viene resa migliore quando si riesce a ridurre le linee di codice da scrivere per la creazione delle applicazioni.

Swift riesce nell’obiettivo e per questo motivo questo linguaggio di programmazione è molto ben accolto. Ora, con la versione 2, l’ambiente di sviluppo diventa molto più veloce e ottimizzato, ma non solo. La società ha trasformato il progetto in open source, così tutti potranno partecipare al suo miglioramento e adottarlo per la creazione di applicazioni.

Tant’è vero che la società a breve fornirà anche una versione per Linux e non mi meraviglierebbe vedere versioni per altri sistemi operativi.

Un altro cambiamento attuato dalla società è l’accorpamento delle iscrizioni ai programmi di sviluppo. Visto che ora c’è anche WatchOS per Apple Watch, anziché creare un terzo piano di sottoscrizione, la società ha unito i piani di accesso alle piattaforma di sviluppo.

Con un unico abbonamento annuale da 99 € si potrà accedere alle SDK e le risorse per sviluppare per OS X, iOS e WatchOS. Gli sviluppatori potranno decidere di creare app per tutti e tre i sistemi operativi pagando una quota unica annua.

  • Dovrebbe mancare il programma per le estensioni di safari o è così poco importante che neanche lo nominano ?