Fishbone, una stazione di ricarica a forma di spina di pesce

Fishbone

Credo di non sbagliarmi, ma entro i prossimi 5 anni i cavi dei dispositivi elettronici spariranno per sempre. L’energia elettrica si diffonderà wireless dal computer, per coprire il fabbisogno di tutti i dispositivi appoggiati sulla scrivania. Così, volenti o meno, quando si lascerà la postazione smartphone, tablet e altri oggetti saranno carichi.

Prima di allora dobbiamo fare ordine tra i numerosi cavi che affollano l’ambiente di lavoro e privato. Probabilmente avrete acquistato uno di quegli hub di ricarica con ingressi USB. Il Fishbone è uno di questi.

La sua forma a spina si pesce permette di mettere ordine sulla scrivania. Grande 101 x 135 mm, ha 5 porte USB per ricaricare i dispositivi. Ogni porta può avere una potenza massima di 2,4 A, per una potenza totale di 6,8 A. Un chip interno gestisce automaticamente il fabbisogno di ogni dispositivo collegato.

La spina di pesce permette di arrotolare il cavo di ricarica e appoggiare il dispositivo in orizzontale. In questo modo tablet e smartphone saranno impilati e i cavi non si sparpaglieranno per la scrivania.

Il Fishbone si finanzia su Kickstarter. Per 29 dollari riceverete un’unità dal prossimo dicembre.