Tim Cook: alcune app native di iOS potranno essere cancellate in futuro

Tim Cook e Eddy Cue

A nessuno piacciono le limitazioni imposte da Apple. Anche le più piccole, le più insignificanti, quelle che potrebbero finire in secondo piano, generano sempre un sentimento di fastidio. Per esempio per qualcuno è fastidioso non poter cancellare delle app native di iOS.

Non è possibile cancellare l’app Borsa, l’app Meteo e così via. Da anni si chiede ad Apple di trattare quelle app come software a se stante. Applicazioni da aggiornare dall’App Store come tutti gli altri software. Come accade, per esempio, con l’app di Pages o Numbers.

Il motivo di questa limitazione è stato spiegato da Tim Cook, durante una visita in un Apple Store a New York:

Questa è una cosa più complicata di come potrebbe apparire. Ci sono alcune app che sono collegate ad altre cose negli iPhone. Se fossero rimosse potrebbero causare degli errori nel telefono. Mentre altre app non hanno questi collegamenti. Così credo che troveremo un modo di permettere di eliminare queste ultime.

In realtà credo che se Apple volesse troverebbe un modo per rendere indipendenti anche le altre app. L’app Podcast, per esempio, una volta era separata dal resto e ora è collegata agli aggiornamenti di iOS.