Apple pagherà 4,2 milioni di dollari per porre fine del caso degli iPad a Los Angeles

iPad studenti

Nel 2013 i dirigenti del Dipartimento scolastico di Los Angeles ebbero un’idea: perché non fornire degli iPad a tutti gli studenti per migliorare l’apprendimento nelle aule? Questa idea, alla luce del fatto che nell’area metropolitana di Los Angeles ci sono 1000 scuole e 100 campus, si è tradotto con un investimento da 1,2 miliardi di dollari.

Il problema è che l’attenzione arrivò subito verso Apple. Pearson, una società appaltante, cercò di acquistare solo degli iPad, aggiungendo qualche tablet Lenovo. Un dirottamento così brusco da far attivare le antenne dell’FBI. Il contratto era stato attivato tramite delle mazzette?

I giudici non si sono ancora espressi in merito, ma sappiamo che al momento sono stati acquistati 40.000 iPad per un investimento da 30 milioni di dollari. Il contratto prevedeva anche un piano di licenze annuali da 200 $ per gestire il software di apprendimento nei tablet.

Ora che tutto il sistema è finito sotto la lente di ingrandimento della giustizia, portando anche a dei licenziamenti, Apple e Lenovo hanno deciso di tirarsene fuori e pagare 6,4 milioni di dollari, di cui 4,2 milioni a carico di Apple, per evitare coinvolgimenti.

Non si hanno prove su una possibile implicazione di Apple nel dirottamento dell’investimento. Pagando la società si eviterà inutili grane, nell’attesa del verdetto finale.

I 6,4 milioni sono una buona opportunità per un investimento per promuovere la collaborazione tra le scuole. Il risarcimento è per il danno di reputazione del distretto e compensa il tempo perso dagli studenti e gli insegnanti generato da questo progetto mal concepito.

Ha dichiarato l’ente scolastico. Sta di fatto che in tutto questo ne gli studenti e ne gli insegnanti vedranno un centesimo per il loro tempo perso.