L’Apple Watch 2 potrebbe avere il supporto delle SIM card virtuali

spot Apple Watch

Si parla ancora poco del prossimo Apple Watch. Ormai è passato oltre un anno dalla presentazione della prima generazione. Apple utilizzerà il prossimo WWDC per mostrarlo, oppure rimanderà la presentazione di questo prodotto a settembre come per gli iPhone?

Intanto dalle poche indiscrezioni che sono arrivate si evince che lo smartwatch sarà più sottile di quello attuale, inoltre, dice il Wall Street Journal, il dispositivo avrà il supporto della SIM card virtuale, come abbiamo visto fare nell’iPad Pro da 9,7”, il che aprirà a tanti vantaggi.

Per esempio si potrà usare l’orologio senza iPhone e avere la certezza di non perdere notifiche, chiamate, messaggi e poter collegare le applicazioni alla rete in qualsiasi momento. Questo migliorerà anche la velocità delle applicazioni, che non dovranno passare ogni volta per l’iPhone.

Avere una SIM card virtuale significa anche vedere delle migliorie nell’autonomia della batteria, in quanto il dispendio di energie per la connessione 4G deve essere stato risolto in qualche modo. C’è da dire, però, che in questo modo dovremo pagare un altro pacchetto dati ogni mese.

Alcune info tratte da: wsj

Cosa ne pensi?