Il videoregistratore è morto

videoregistratore

Quanti coltelli usati per recuperare gli oggetti che da bambino amavo infilare nella sua apertura. Quante videocassette arrotolate, nastri incastrati, qualità video persa per strada. Il videoregistratore è stato il compagno inseparabile della mia infanzia. L’antenato dei DVD, l’Homo Sapiens dello streaming video.

Tutto iniziò nel 1976, quando JVC presentò la sua alternativa a Betamax di Sony. Il formato Betamax era di alta qualità, funzionava meglio ma costava troppo. JVC con le sue videocassette VHS, riuscì a proporre prezzi più bassi e si sa come reagisce il mercato: tutti vogliono pagare poco, la qualità è superflua.

Così i videoregistratori iniziarono la loro presa dei salotti di mezzo mondo, con i primi fenomeni di pirateria video. Bastava collegare due videoregistratori tra di loro per riversare il contenuto di una cassetta su un’altra. In barba alla qualità che ad oggi farebbe pena a tutti.

Ora che le connessioni internet lo consentono, non solo i DVD sono sulla via della pensione, ma i videoregistratori sono morti. Ieri, infatti, l’unica azienda che continuava a costruirli, la giapponese Funai Electric, ha deciso di terminare la produzione.

I videoregistratori sono ufficialmente morti. Se volete un modello prendete uno degli ultimi ancora in vendita, perché a breve non saranno disponibili neanche quelli, terminando per sempre l’era della videocassette.

One Comment

  1. Per onore della cronaca, in quello stesso anno venne presentato anche il Video 2000 della Philips, sicuramente il miglior videoregistratore della storia! Era favoloso, fermo immagine spettacolare, avanzamento veloce senza strisce, videocassetta utilizzabile da ambo i lati.

    JVC ebbe la meglio non perché il sistema fosse più economico, ma perché riuscì con ottimo marketing ed organizzazione interna, a diffondere i progetti di sviluppo ai maggiori produttori del mondo. Philips non ebbe chance e Sony, pur essendo potentissima in quel periodo, fu costretta ad abbandonare.

    Le sole questioni di marketing fecero sì che in tutto il mondo utilizzammo il peggior sistema di videoregistrazione della storia.

Cosa ne pensi?