La Touch Bar è un mini Apple Watch

Touch Bar

Uno dei punti di forza dei nuovi MacBook Pro è la Touch Bar. La striscia fatta da uno schermo OLED multitouch dovrebbe cambiare le carte in tavola. Non uno schermo touchscreen, che affaticherebbe le braccia, ma una striscia personalizzabile per accedere velocemente a dei tasti che cambiano in base al software utilizzato.

A tal proposito lo sviluppatore Steven Troughton-Smith ha voluto saperne di più e ha iniziato a scavare nel codice del sistema operativo, per scoprire come funziona la gestione della barra. La cosa sorprendete è che questa usa un sistema operativo tutto suo ed è watchOS modificato.

Il chip T1, che gestisce anche il Touch ID nei MacBook, è una variante del chip S2 presente negli Apple Watch e ha al suo interno una sorta di watchOS. Oltre a far funzionare la barra, conservare l’impronta digitale, protegge anche l’accesso alla webcam del computer per evitare utilizzi impropri da parte degli hacker.

Il sistema operativo della Touch Bar, quindi, conversa con macOS e scambia informazioni. In pratica è come avere due dispositivi in uno.

Cosa ne pensi?