iFixIt smonta il MacBook Pro con Touch Bar

MacBook Pro smontato

Dopo aver smontato il MacBook Pro con i tasti fisici, iFixIt ha smontato il recente MacBook Pro con la Touch Bar. Teoricamente ci aspetteremo delle differenze solo nella Touch Bar, invece ci sono differenze maggiori tra le due versioni.

Per esempio la versione con Touch Bar pesa 20 grammi in meno della versione con i tasti fisici. Un dato strano visto che la versione con Touch Bar ha 2 porte USB-C in più (di cui a piena potenza solo le due a sinistra). Il motivo è nella batteria. Nella versione con Touch Bar è da 49,2 Wh e pesa 197 grammi, con tasti fisici è da 54,5 Wh e pesa 235 grammi. Questo significa che la versione più costosa gode di 1 ora in meno di autonomia.

Inoltre iFixIt ha scovato un connettore fantasma, che forse serve a test diagnostici e dei marcatori per comprendere se sono stati versati liquidi sul computer. Il Trackpad è identico, mentre le ventole nella versione con Touch Bar hanno un diametro di 43 mm, contro i 45 mm della versione con tasti fisici.

La memoria è di SanDisk, la RAM di Samsung e il chip del Touch Bar è di Broadcom. Nel piccolo schermo OLED sono stati trovati anche 3 microfoni, che ora non sono più nel jack per le cuffie. Inoltre l’audio degli speaker passa per le ventole, probabilmente per amplificare il suono.

In totale iFixIt ha stabilito un voto di 1 su 10, dove il 10 è il massimo della semplicità di riparazione. In pratica se il nuovo MacBook Pro si rompe solo Apple potrà salvarvi. Ci sono viti pentalobiche proprietarie, la batteria è incollata per bene, il processore – RAM – SSD sono saldati sulla scheda logica. La Touch Bar è difficile da riparare e il Touch ID, coperto da zaffiro, è collegato al chip T1 del computer, quindi sostituirlo è inutile.

Le riparazioni con il nuovo MacBook Pro con Touch Bar sono praticamente impossibili.

One Comment

Cosa ne pensi?