Video del libro sul design di Apple

Qualcuno lo ritiene semplicemente un elemento autocelebrativo di Jonathan Ive. Una sorta di specchio per dire “Però quanto sono bello, ma quanto sono bravo”. Per altri è un interessante progetto fotografico. Per me è un costoso mausoleo.

Il libroDesigned by Apple in California”, che a detta della società ha richiesto 8 anni di lavoro, costa 199 $ nella versione piccola e 299 $ nella versione grande. Mi sarei aspettato una bella virgola prima dell’ultimo nove per avere un po’ di equilibrio.

Sta di fatto che questa opera fotografica, realizzata da Andrew Zuckerman, resta un regalo natalizio di persone con la grana. Se come me avete paura anche di sfogliarlo, per il timore di strappare per sbaglio una pagina e doverlo comprare, accontentatevi del video fatto da The Verge dove si sfogliano tutte e 450 le pagine.

Se prima non svenite per via della musica monotona di sottofondo.

Aggiornamento: Vi propongo anche questo secondo video. È più breve e non mostra tutte le pagine, ma almeno non ha quell’audio fastidioso di sottofondo.

One Comment

  1. Io non so ancora bene come decifrare questo libro. Dai pareri sul web vedo 2 scuole di pensiero diverse: gli appassionati di tecnologia, informatica, elettronica un po’ scettici di fronte a questo libro ed al suo esorbitante prezzo (sono molto scontenti sulla scarsità di idee e di innovazione di Apple, delusi dal fatto che si sarebbe trasformata in produttore di accessori fashion e nient’altro e questo libro lo confermerebbe) dall’altra gli amanti (e gli “insider” del mondo) del design, dello stile e della bellezza estetica dei prodotti Apple, per i quali questo libro diventa una sorta di feticcio irrinunciabile (peccato per il prezzo esorbitante).
    Io come ho avuto modo di dire altrove, non so se è un modo di chiudere il passato dopo 20 anni di percorso folgorante ed aprire una nuova strada, un’era nuova con stile diverso, bisogni e necessità diversi, oppure è una vuota autocelebrazione di chi non ha più idee nuove per il futuro. Apple difficilmente fa le cose a caso: il problema quindi è capire cosa significa nel profondo questa scelta di fare un libro, cosa comporta concretamente per il futuro della società.
    Vedo Cook prima appassionarsi al progetto Apple Car, poi fare marcia indietro (con spreco enorme di risorse) e buttarsi sulla Realtà Aumentata, ora risuscitare i Google Glass così aborriti dalla Apple del passato (chissà se non sarà lo stesso per gli iMac touch). Temo cioè a livello societario un po’ di navigazione a vista, con il settore design che risentirebbe inevitabilmente di ciò che avviene ai piani alti.
    Spero di sbagliarmi, ovviamente.

Cosa ne pensi?