Beast Sensor, il sensore per chi fa pesi in palestra

Beast Sensor

Il settore sportivo è stato il primo a giovare dei sensori collegati allo smartphone. Per chi corre c’è il chip nelle scarpe. Per chi gioca al calcio c’è il sensore nel pallone. Per chi fa golf nei guanti, chi fa tennis nella racchetta e così via.

E per chi fa pesi in palestra? Ci pensa l’italiana Beats Technology che ha sviluppato lo Beast Sensor. Si tratta di una scatoletta gialla da usare per i vari esercizi da fare in palestra. Il sensore può essere collegato al polso, dietro la schiena con un’imbracatura e anche appoggiato su bilancieri e pesi.

Una volta impostati gli esercizi in un’app, collegata ad una piattaforma on line, si può seguire la scheda appoggiando il sensore dove è suggerito, per registrare tutte le performance e i miglioramenti.

Beast Sensor registra i watt generati da un esercizio, il numero di ripetizioni, la velocità e molto altro. La piattaforma consente di comprendere i miglioramenti su ogni esercizio, con tanto di grafici.

Il sensore in se misura 20 x 19 x 40 mm e pesa 38 grammi. Ha un’autonomia di 8 ore e usa accelerometro, giroscopio e magnetometro. Si collega allo smartphone mediante il bluetooth. Si vende nel sito ufficiale per 249 €.

Cosa ne pensi?