AirPods Raggi X

Se guardiamo il primo computer di Apple ci accorgiamo che i circuiti, i transistor e tutti gli altri componenti erano enormi. Oggi, grazie alla miniaturizzazione dei componenti, questi elementi sono infinitamente più piccoli, tanto da essere replicati migliaia di volte in spazi molto più ristretti.

Questo ha permesso di costruire accessori piccoli, performanti e qualitativamente migliori. Consentendo il passaggio dalle cuffie enormi per la testa ai piccoli AirPods senza fili. A tal proposito, per notare questa miniaturizzazione, Bill Cardoso di Creative Electron ha effettuato una scansione degli auricolari di Apple.

Grazie ad una macchina che si chiama Fusion CT, sono state realizzate 900 foto con i raggi X, poi messe insieme fino a formare un’immagine in 3D. Da questa immagine si nota come l’opera degli ingegneri possa trasformarsi in arte.

I piccoli circuiti e sensori che formano gli AirPods creano uno spettacolo ingegneristico, fatto di chip e componenti. Guardando queste immagini si giustifica tutto il prezzo delle AirPods, perché si comprendono tutti gli sforzi fatti negli ultimi anni per raggiungere un risultato del genere.

Leave a comment

Cosa ne pensi?