DJI Spark, il drone nato per i selfie

DJI Spark

Cosa dovrebbe avere un drone per i selfie? Questa è stata probabilmente la domanda di base che DJI si è fatta per realizzare Spark. Questo piccolo drone, che sembra concorrere contro il Parrot Bebop 2, ha delle dimensioni contenute e risponde alle gesture per l’uso veloce.

Un tocco sotto la scocca dopo l’accensione permette di lasciarlo in volo, il gesto dell’inquadratura con le due mani permette lo scatto e il segno del ciao consente di spegnerlo. Importante il riconoscimento intelligente dei volti per seguire l’utente in automatico.

Lo Spark ha una fotocamera stabilizzata meccanicamente da 12 megapixel con focale 2.6, che registra in formato Full HD. Il raggio di azione è di 2 KM se si usa il telecomando per smartphone, mentre l’autonomia è di 16 minuti. Alla velocità massima tocca i 50 KM/h. È compatibile anche con il casco per la realtà virtuale DJI Goggles.

Lo Spark è in vendita per 499 $, che diventano 699 $ con il telecomando.

Cosa ne pensi?