iOS 11 rallentamenti

Apple rallenta di proposito i vecchi iPhone per costringere le persone a comprare i nuovi? Questa leggenda metropolitana circola da tempo. Nel 2014 un documento che qualcuno firmò in modo anonimo sosteneva di sì, ma allo stato dei fatti c’è solo una verità: il software evolve e richiede più potenza.

Accadeva anche nei computer, dove software più complessi e avidi di risorse, per non parlare del rendering 3D, richiede hardware più evoluto e, ovviamente, in quello datato questo si traduce con più lentezza, perché tutti i dati da calcolare richiedono più tempo.

Così Andrew Cunningham di ArsTechnica ha iniziato a misurare i tempi di caricamento delle app passando da iOS 10.3.3 a iOS 11. I dati sono stati raccolti su un iPhone 5s che è il modello base da avere per usare iOS 11.

Si evince, così, che i tempi di caricamento sono variati sensibilmente. Siamo di fronte al massimo ad 1 secondo in più di tempo per caricare le mappe. L’elemento che ha visto il rallentamento maggiore è il riavvio, allungato di 12 secondi.

Abbiamo, invece, dei miglioramenti nel caricamento delle pagine web. Andrew traduce le sue analisi indicando, in realtà, un miglioramento delle performance rispetto agli aggiornamenti del passato. iOS 8 e 9 rallentavano molto i dispositivi vecchi, cosa che non avviene con i recenti aggiornamenti.

Chi ha un iPhone 5s noterà dei leggeri rallentamenti, ma non così importati da spingere a non installare iOS 11. È un buon compromesso considerando che i recenti processori sono più potenti in larga misura. Il che dovrebbe tradursi con un rallentamento maggiore per i vecchi dispositivi.

Apple, in sostanza, non rallenta i vecchi telefoni, anzi, ottimizza così bene il sistema operativo da ridurre al minimo i disagi.

Leave a comment

Cosa ne pensi?