I nuovi iPhone sono compatibili con la carica ad induzione Qi, ma anche Pi

Carica Pi

Apple poteva integrare la carica ad induzione già nel 2012, ma Phil Schiller – vice presidente marketing della società – spiegò che era inutile offrire un sistema senza cavo che in realtà richiedeva un cavo, vale a dire quello che unisce la presa di corrente al tappeto di ricarica. Ora sappiamo che hanno cambiato idea.

Con gli iPhone 8, 8 Plus e X, infatti, è possibile usare la carica ad induzione con il sistema Qi (si pronuncia Cii), che è lo stesso standard aperto usato per anni dai telefoni con Android.

In realtà, però, i nuovi iPhone sono compatibili anche con un altro standard: quello Pi. Questa tecnologia fornisce la carica wireless, che è differente da quella ad induzione. Significa che lo smartphone non deve essere appoggiato su un ripiano, ma deve essere nelle vicinanze del caricabatterie.

Al momento non ci sono modelli in vendita. Il primo dispositivo dovrebbe arrivare a breve e costare meno di 200 $, che è tanto. Questo strumento consente di ricaricare fino a 4 dispositivi se questi sono vicini almeno 30 centimetri dall’unità di ricarica.

In futuro probabilmente questa tecnologia sarà integrata direttamente nei Mac, per poter ricaricare gli iPhone, iPad e Magic Mouse semplicemente tenendo questi dispositivi vicini al computer.

Cosa ne pensi?