Samsung Connect Tag

Negli ultimi anni sono nate tante soluzioni per non perdere gli oggetti, tracciare la posizione dei figli o ritrovare gli animali domestici al parco. Samsung, di recente, ha presentato la sua soluzione. Ma perché la casa coreana ha investito in questo settore?

Lo ha fatto per offrire un prodotto migliore. Il Connect Tag, infatti, è tra i primi al mondo ad usare la tecnologia NB-IoT e Cat.M1. Si tratta di due sistemi che consentono di tracciare con più accuratezza la posizione e consumare meno energia.

Il dispositivo, infatti, utilizza ben tre sistemi per il tracciamento sulla mappa: il GPS, il WiFi e le reti telefoniche. In questo modo si potrà vedere, attraverso un’app, dove si trova l’oggetto o la persone a cui lo abbiamo collegato.

Grande 42,1 x 42,1 x 11,9 mm, ha un peso di 25 grammi. Funziona mediante la tecnologia eSIM. Resistente all’acqua e alla polvere, ha una batteria da 300 mAh che fornisce 7 giorni di autonomia. Sarà disponibile entro la fine dell’anno.

Leave a comment

Cosa ne pensi?