Apple Pay in Italia si allarga a Bunq

Apple Pay Bunq

Devo essere sincero. Prima di oggi non avevo mai sentito parlare di Bunq. Si tratta di un servizio nato in Olanda tre anni fa. È una sorta di conto gestibile da un’app. Un po’ come fa N26 che è nata in Germania. Oggi Bunq supporta Apple Pay.

Il servizio si attiva mediante l’app ufficiale. Bunq offre la gestione di più conti, la gestione di conti per bambini, di conti condivisi e crowdfunding. La versione gratuita consente di gestire un solo conto e non ha una carta fisica, ma ci sono due ulteriori piani:

  • Premium (7,99 € al mese): consente di avere fino a 25 conti differenti e permette di avere una carta Maestro.
  • Business (9,99 € al mese): offre tutto quello che ha il Premium, ma i pagamenti si pagano 10 centesimi ciascuno.

La società rilascia anche delle API agli sviluppatori e questo potrebbero essere usate per creare nuove app e servizi.

Chi la utilizza ora può usare Apple Pay. L’ultimo aggiornamento della lista degli istituti supportati risale a febbraio scorso, quando furono aggiunte TIM Personal e Allianz.

Cosa ne pensi?