App Store: ora è vietato fare incetta dei contatti degli utenti

Contatti Fidati

Gli utenti sono veramente attenti alla loro privacy? Sanno proteggere i propri dati? Io sono convinto di no. Al momento non esistono strumenti universali in grado di proteggere i dati dell’utenti dall’uso improprio. Apple prova da tempo a fornire nuove soluzioni.

Per esempio qualche anno fa su iOS integrò il permesso esplicito per accedere ai dati personali. Per accedere alla rubrica telefonica, per esempio, bisogna confermare l’accesso all’app che ne fa richiesta. Ma cosa accade come in tutte questo genere di cose? Si accetta tutto pur di liberarsi dai pop-up fastidiosi.

Molte società hanno approfittato di questa cosa. Dopo aver ottenuto l’accesso alla rubrica, che teoricamente serviva per vedere se c’erano altri amici con lo stesso gioco o condividere un contenuto con qualcuno di loro, alcune aziende archiviavano le rubriche degli utenti per usarle per altri scopi o, peggio, da vendere ad altre aziende.

Apple ha fatto sapere, a tal proposito, che la festa è finita. Con il nuovo regolamento dell’App Store è espressamente vietato scaricare la rubrica degli utenti e usarla per altri scopi. Se qualcuno ci prova la società cancellerà tutta l’app, mettendo in ginocchio il core business dello sviluppatore.

In passato ci sono stati diversi casi in cui gli sviluppatori sono stati scoperti con le mani nella marmellata. Speriamo che questa decisione fermi i soliti furbi.

Cosa ne pensi?