Apple multata di 9 milioni di $ per gli schermi di terzi non compatibili

iFixIt iPhone 6s schermo

Nell’aprile di quest’anno Apple fu costretta a rilasciare l’aggiornamento di iOS 11.3.1. Questo update permetteva di risolvere un problema con gli schermi di terzi montati negli iPhone.

In pratica Apple aveva pensato “bene” di fermare la compatibilità con gli schermi di terzi, per salvaguardare la sicurezza del Touch ID. Il problema è che gli schermi originali e la riparazione originale costa un bel po’. Per questo motivo molte persone preferiscono provvedere con elementi di terzi, per abbattere i costi.

Non esiste una legge che vieta di usare parti di ricambio di terzi, anzi, le leggi antitrust vietano di creare un monopolio nel mercato dei componenti, chiedendo spesso alle aziende di fornire le specifiche per consentire a terzi di costruire dei componenti alternativi.

Ed è proprio una di queste leggi, nell’Australian Consumer Law, ad aver portato ad una condanna nei confronti di Apple. La società dovrà pagare 9 milioni di dollari per l’errore 53 che iOS generava usando schermi di terzi. La class action fu attivata da 5.000 utenti.

Cosa ne pensi?