L’App Store compie 10 anni

App Store

E pensare che Steve Jobs dovette anche essere convinto per realizzarlo. Nella sua idea disruptive di smartphone c’era una piattaforma completamente on line. Tant’è vero che il primo iPhone supportava solo web app. L’anno dopo, grazie ad un aumento delle prestazioni e velocità, fu possibile inaugurare l’App Store.

Era il 10 luglio del 2008 quando aprì i battenti del negozio di applicazioni. Il primo basato su un modello a prezzi a scaglioni fissati dalla società, con confini ben definiti (non sono mai nati altri negozi di app per iOS) e con barriere all’entrata (il controllo da parte della società per valutare il corretto funzionamento delle app).

All’epoca c’erano appena 500 applicazioni. Oggi ne abbiamo oltre 2 milioni vendute in 155 paesi nel mondo. La società ha ripercorso questa crescita dando parola ad alcuni sviluppatori, nel suo ultimo comunicato stampa.

Si legge così che il team del gioco Temple Run è cresciuto di 35 persone grazie all’App Store, che ci sono 28.000 app che offrono degli abbonamenti, che agli sviluppatori sono andati 100 miliardi di dollari in fatturato, che ci sono 200.000 app educative e 3.000 app utilizzano la realtà aumentata.

Numeri che sottolineano un business ormai solido e destinato a durare.

Cosa ne pensi?