Apple ferma le stampanti, dal 30 settembre basta foto album

foto libro

Devo ammettere che qualche volta l’ho usato. Soprattutto per fare qualche regalo. Apple, infatti, con iPhoto (ora semplicemente Foto) aveva integrato un servizio di stampa delle foto. Le persone potevano creare degli album e trasformarli in progetti da stampare.

La società aveva creato un sistema che, mediante delle API, consentiva di gestire tutto dal suo sito. Di fatto, però, la stampa era affidata ad aziende partner come Mimeo Photos, Wix, GoodTimes, WhiteWall e Shutterfly.

Lanciato nel 2002 e voluto da Steve Jobs, il progetto della stampa di qualità ha avuto il suo seguito. Negli anni, però, molte aziende sono riuscite ad organizzarsi autonomamente, offrendo un servizio semplice da usare come fece Apple all’epoca.

Per questo motivo la società ha deciso di chiamarsene fuori. Dal prossimo 30 settembre non si potranno più ordinare stampe di foto o album ad Apple. Chi vorrà farlo potrà scaricare una delle app dei servizi di stampa, collegandole all’app Foto mediante le estensioni.

La stampa arriverà ugualmente, ma si pagherà direttamente l’azienda che fornisce il servizio.

Cosa ne pensi?