Il phishing che ti arriva se ti rubano l’iPhone

Find My iPhone

Cosa fareste se vi rubassero l’iPhone? Oltre ad imprecare, probabilmente andreste a fare una denuncia e tentereste di usare Find my iPhone. Questo sistema di Apple permette di bloccare il telefono a distanza, cancellare i dati in remoto, visualizzarlo su una mappa e far apparire un messaggio sullo schermo.

Tutto questo funziona se il ladro non ha intenzione di vendere il dispositivo per i suoi componenti interni. Ma mettiamo che siate fortunati. Mettiamo che il ladro lasci il telefono acceso e voi abbiate tempo di bloccare il telefono e lasciare un messaggio sullo schermo, per ricevere notizie se qualcuno lo recupera.

In questo caso dovete stare attenti ad una seconda truffa: quello del phishing. Lo rivela un caso accaduto in Russia. Durante la partita Russia-Spagna durante gli ultimi Mondiali di Calcio, infatti, un uomo ha notato di aver perso l’iPhone in un bar. Probabilmente qualcuno glielo ha sfilato dalla giacca.

Dopo essersi accorto della scomparsa, l’uomo è riuscito ad accedere al suo account iCloud e bloccare il dispositivo, lasciando un messaggio sullo schermo con il numero di telefono da chiamare per lasciare indicazioni.

Dopo qualche ora l’uomo riceve un finto SMS da parte di Apple indicando un link da cliccare per rintracciare l’iPhone su una mappa.

iCloud notifica FMI: il tuo iPhone X 64 GB Space Gray è stato localizzato il 1 luglio 2018 alle 17:54. La SIM card è stata identificata. Per favore clicca sul seguente link per osservare la localizzazione dell’iPhone. La localizzazione più recente del tuo iPhone e le informazioni della SIM card saranno disponibili per 24 ore. Copyright 2018 Apple Inc.

Ovviamente il link è falso e rimanda ad una finta pagina di iCloud. Obiettivo? Raccogliere i dati di accesso e sbloccare il dispositivo per poi resettarlo.

Il suggerimento, quindi, oltre a stare sempre attenti al proprio iPhone, è attivare l’autenticazione a doppio fattore e stare sempre attenti a questi tranelli. In momenti di panico e stress, come quello generato dalla perdita dello smartphone, potrebbe capitare di seguire i link senza pensarci due volte.

Cosa ne pensi?