Apple incolla gli esecutivi alle poltrone con un bonus da 30 milioni di $

dollari

Probabilmente Jonathan Ive non aggiorna il curriculum da decenni. Stessa cosa Phil Schiller. Nel caso decidessero di cambiare lavoro, i top manager di Apple potrebbe contare su incarichi prestigiosi in moltissime aziende.

Bisogna ammettere, però, che il fatturato multimiliardario della società non è frutto della fortuna. Non sarebbe cresciuto così tanto in così tanti anni. È merito di un mix di talenti che lavorano insieme in modo ottimale. Una ricetta che non deve essere cambiata.

Per questo motivo il Consiglio di Amministrazione ha approvato un piano di incentivi da qui ai prossimi 5 anni. Come comunica la SEC, il piano prevede che 44.299 azioni saranno consegnate ogni anno dal 2021 al 2023, inoltre altre 44.299 azioni saranno consegnate dal 2019 al 2021 se verranno raggiunti degli obiettivi.

Se tutto andrà per il verso giusto, sommando i vari bonus, ad ogni manager andranno 132.897 azioni, pari ad oltre 30 milioni di dollari. Le persone coperte dai binari d’oro sono Katherine Adams, Angela Ahrendts, Luca Maestri e Jeff Williams. I bonus saranno sbloccati solo se queste persone rimarranno nell’azienda.

Cosa ne pensi?