Nintendo brevetta una custodia che trasforma l’iPhone in GameBoy

Nintendo brevetto custodia

Oggi lo status symbol è l’iPhone Xs Max. Un dispositivo elettronico che può superare i 1.600 € di valore. Per questo motivo possederne uno indica quasi l’appartenenza ad una fascia sociale agiata.

Negli anni ’90 l’oggetto che offriva questa sensazione era il GameBoy. La console portatile di Nintendo nacque nel 1989 e offriva una serie di videogame arcade da usare in mobilità. Munito di un processore da 4,2 MHz, aveva 8 kB di RAM, un display monocromatico con una risoluzione di 160 x 144 pixel e supportava cartucce fino a 8 MB. Le 4 batterie AA potevano fornire fino a 36 ore di gioco.

Il dispositivo uscì dal mercato nel 2003, dopo la vendita di 120 milioni di unità. Ora potrebbe tornare sotto altra forma. Nintendo, infatti, ha brevettato un accessorio per trasformare l’iPhone in un GameBoy.

Utilizzando un’app apposita, la custodia copre lo schermo con un elemento che riporta i tasti fisici. L’utente, quindi, utilizzerà lo schermo touch con le stesse modalità analogiche dell’epoca, godendo di un gioco visualizzato solo su una parte dello schermo.

Chissà se arriverà mai sul mercato.

Cosa ne pensi?